Logo AIF

Aprire un Franchising di Arredamento

Entra nel mondo dell'Arredo con i Leader di settore

3 minuti


Visiona l’elenco con i migliori Franchising di Arredamento QUI

Il settore dell’arredamento e dell’oggettistica per la casa dimostra negli anni una generale solidità, risultando ancora un settore accessibile anche ai neo imprenditori. Tuttavia il crescente numero di negozi di arredo, oggettistica e casalinghi presente sul mercato italiano, nonché la presenza di colossi quali IKEA, rendono necessarie differenti accortezze per avere successo nel settore.

aprire un franchising di arredamento

 

Come Funziona

Per aprire un negozio di arredamento di successo bisogna sapersi distinguere dalla concorrenza con una gamma di prodotti varia, originale, sempre aggiornata, di tendenza e con un rapporto qualità-prezzo ottimale. Oltre a questo sarà necessario consolidare il proprio brand incrementandone la reputazione, anche online, fidelizzando la clientela ed effettuando costanti campagne di promozione, acquisizione di nuova clientela e comunicazione. Una gestione ottimale del negozio, assieme ad una gestione oculata delle finanze, delle risorse umane e del magazzino, contribuiranno poi alla gestione efficace del negozio.

Fare tutto questo in autonomia non è certamente semplice, soprattutto per chi si affaccia per la prima volta a questo mercato o al mondo dell’imprenditoria, per questa ragione è caldamente consigliato considerare anche l’apertura di un negozio di arredamento con la formula del franchising.

Il franchising permette di accedere a condizioni altamente vantaggiose e semplificazioni importati sia per quanto riguarda la fase di avvio che di gestione del negozio. Inoltre aderire ad una rete franchising permette di sfruttarne il potere commerciale, applicando prezzi concorrenziali ed aggiornando costantemente la gamma prodotti secondo le ultime tendenze.

QUI trovi tutti i Franchising di Oggettistica e Casalinghi che offrono affiliazione.

 

Cosa Serve

Per aprire un negozio di arredamento in franchising non sono necessarie specifiche qualifiche, né titoli di studio, esperienze pregresse o capacità e conoscenze particolari. Tuttavia per avere successo è sempre consigliabile avere pregresse esperienze nel settore dell’arredamento, del retail oppure in ambito gestionale. Capacità di organizzazione, gestione delle risorse umane ed economiche, di vendita e comunicazione saranno consigliabili per una corretta gestione.

Eventuali requisiti personali, attitudinali o esperienze pregresse necessari saranno comunque esplicitati in fase preliminare dalla casa madre, così come sempre in fase iniziale saranno esplicitati i requisiti inerenti la localizzazione dell’attività, la dimensione minima del locale, il bacino di utenza, la tipologia di visibilità, e così via.

L’investimento minimo necessario per aprire un negozio di arredamento in franchising è generalmente compreso, per un format chiavi in mano, tra 20.000 e 50.000 euro circa.

Per tutto ciò che concerne la formazione, le pratiche burocratiche di avvio dell’attività, la gestione, gli adempimenti fiscali, commerciali  ed amministrativi anche durante la gestione, la casa madre seguirà l’affiliato a 360° offrendo costante assistenza ed affiancamento e lasciando a questo il solo compito di gestire il business.

 

Vantaggi e Svantaggi del Franchising

Tra i principali vantaggi offerti dai franchising di arredamento troviamo:

  • know-how, modalità gestionali / organizzative consolidate
  • format collaudato
  • formazione a 360° ed aggiornamento
  • brand noto                                   
  • riconoscibilità immediata e layout standardizzato
  • visibilità online ed offline
  • campagne marketing centralizzate
  • rapida acquisizione clientela e fidelizzazione
  • prodotti selezionati
  • merce in conto vendita con reso dell’invenduto
  • condizioni commerciali vantaggiose
  • riduzione del rischio d’impresa
  • format chiavi in mano
  • fornitura completa di arredi, attrezzature, software, hardware, materiale promozionale, insegne, vetrofanie, divise, ecc
  • supporto completo prima e dopo l’apertura (analisi fattibilità, costi, location, allestimento e progettazione, selezione e formazione personale, monitoraggio delle vendite e della gestione, ecc)

Tra i potenziali svantaggi che un franchising di arredamento può presentare vi sono:

  • pagamenti iniziali e periodici (fee, royalty, contributi pubblicitari, ecc)
  • garanzie o fidejussioni per la merce in conto vendita
  • minore libertà di iniziative e personalizzazione
  • obbligo a rifornimenti centralizzati

Visita tutti i Franchising di Arredamento QUI

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca