Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
lunedì 04 maggio 2020

Siamo nell'era digitale del business.. 

Come Aprire un E-Commerce – Guida Completa


Scopri anche tutte le proposte per aprire un E-Commerce in Franchising, chiavi in mano.

 

Oggi più che mai tutta la nostra vita risiede sul web: dagli affetti al lavoro, dagli acquisti al tempo libero. L’era digitale ha subìto una spinta forzata in avanti, cambiando radicalmente le abitudini di consumo e coinvolgendo anche coloro che erano più restii all’utilizzo dei canali digitali. Il lockdown forzato, a causa della diffusione del nuovo coronavirus COVID-19 a livello globale, ha mutato fortemente le abitudini e le necessità delle persone, anche per quanto riguarda gli acquisti. I siti e-commerce sono ad oggi il canale preferito, se non l’unico possibile in presenza di chiusure forzate delle attività commerciali fisiche, per effettuare i propri acquisti, sia di beni di prima necessità che non.

Oggi i siti e-commerce hanno vissuto un vero e proprio “boom” di vendite, tanto che solo quelli con alle spalle una solida struttura logistica ed accordi forti con i corrieri hanno saputo soddisfare l’elevata domanda e restare in piedi. Che si tratti di fare la spesa, di comprare prodotti di prima necessità, generi alimentari, dispositivi per la cura della persona, medicinali, prodotti veterinari e per la cura dei propri amici a 4 zampe, prodotti per l’infanzia, di acquistare dispositivi igienizzanti (mascherine, gel igienizzante, detersivi e saponi antibatterici, spray igienizzanti, guanti monouso, ecc), elettronica o strumenti per lo smart working, cosmetici o regali, ma anche qualunque altra tipologia di prodotto, ad oggi tutto viene comprato online e spedito a domicilio.

come aprire e-commerce

Ad oggi, dunque, per chi desidera avviare un’attività imprenditoriale, sia che si tratti di attività commerciali e di vendita al dettaglio, sia che si tratti di offrire servizi a privati o aziende, aprire un e-commerce è l’unico modo per garantirsi una clientela sicura e sufficiente per produrre entrare soddisfacenti.

Tuttavia, oggi più che mai, aprire un e-commerce di successo non è semplice. Occorrerà infatti un’attenta pianificazione, competenza nella gestione ottimale delle risorse e dell’attività, capacità di previsione sui trend futuri, oltre alla creazione di un format capace di rispondere alle necessità di mercato, distinguendosi al contempo dall’elevata concorrenza (prodotto o servizio originale, di nicchia, ad elevata domanda, sito web accattivante e funzionale, ecc), nonché la creazione di un sistema logistico solido, funzionale, rapido e puntuale.

In questa guida completa vedremo insieme come aprire oggi un e-commerce di successo, quali sono i passi da seguire, l’iter burocratico necessario, i costi di avvio e gestione, nonché tutto il necessario per avviare un’attività online funzionale e redditizia nel mercato odierno.

 

Requisiti ed Iter Burocratico

Per aprire un e-commerce non sono richieste particolari licenze né requisiti personali specifici. Tuttavia specifiche licenze, autorizzazioni oppure requisiti di natura personale possono essere previsti per determinate categorie merceologiche. In generale, anche per un e-commerce varranno le stesse regole previste per i negozi fisici per quanto riguarda autorizzazioni, comunicazioni ed adempimenti, in riferimento alla corrispettiva categoria merceologica o di servizi trattata, ovvero del settore di riferimento.

Questo significa, ad esempio, che un e-commerce che vende prodotti alimentari richiederà anche il possedimento degli attestati SAB ed HACCP come per un negozio alimentare fisico. Allo stesso modo particolari categorie merceologiche come alcolici, tabacchi, ecc, richiedono adempimenti specifici e la richiesta delle relative autorizzazioni / licenze di vendita.

Generalmente parlando, per aprire un e-commerce, sia esso un’attività di vendita di beni o di servizi, B2B o B2C, e per tutti i settori di attività, sarà necessario adempiere al seguente iter burocratico:

  • apertura PartitaIVA (almeno 30 giorni prima dell’avvio dell’attività)
  • comunicazione di Inizio Attività almeno 30 giorni prima dell’avvio (da effettuare allo SUAP del Comune dove sarà presente la sede legale, che potrà coincidere anche con un piccolo ufficio o con un’abitazione)
  • iscrizione al Registro delle Imprese (presso la Camera di Commercio)
  • apertura delle posizioni INPS ed INAIL

Tutte le comunicazioni, iscrizioni ed adempimenti di cui sopra potranno essere espletati in un’unica soluzione, attraverso la Comunicazione Unica. La Comunicazione Unica andrà presentata alla Camera di Commercio in forma telematica, quindi attraverso una PEC (indirizzo di posta elettronica certificata) e con firma digitale (autenticata). Alla Comunicazione Unica andranno allegate tute le documentazioni necessarie per le singole richieste, adempimenti, autorizzazioni ed iscrizioni.

Infine, per aprire un e-commerce occorrerà comunicare all’Agenzia delle Entrare l’indirizzo del sito web, i dati identificativi dell’Internet Service Provider ed i contatti. Nel caso in cui la vendita o la prestazione dei servizi sia rivolta anche all’estero, sarà necessario iscriversi alla banca dati VIES (Vat Information Exchange System).

A livello personale saranno richiesti solamente i consueti requisiti imprenditoriali necessari all’avvio di un’attività (come la maggiore età, i requisiti di moralità ed onorabilità, e così via).

 

Quando Sono Previste Semplificazioni

Per aprire un’attività imprenditoriale online sarà indispensabile l’apertura della Partita Iva, la scelta di un Regime Fiscale nonché la scelta della forma societaria / imprenditoriale da adottare, il tutto con la consulenza di un commercialista che saprà anche indicarvi quando è possibile accedere al sistema fiscale forfettario / agevolato e quali forme societarie consentono un risparmio sui costi di gestione.

Semplificazioni a livello normativo, burocratico, e per quanto riguarda le tassazioni sui guadagni, sono previste anche laddove l’attività abbia carattere occasionale e non preveda incassi annui superiori a 5.000 euro (o laddove superiori l’attività rimanga inequivocabilmente di carattere occasionale / straordinario).

Solo in questo caso sarà infatti possibile vedere i propri prodotti, o servizi, online tramite un sito e-commerce, o appoggiandosi a piattaforme apposite terze, senza dover aprire una Partita Iva e senza dunque dover adempiere ai costi ed agli adempimenti richiesti dalla legge alle attività di e-commerce.

Tuttavia sarà sempre necessario informarsi che la propria attività, in base ai prodotti / servizi offerti, risponda ai requisiti ed ai limiti previsti per legge, nonché al carattere di occasionalità.

 

I Costi di Avvio e Gestione

L’investimento iniziale minimo per aprire un e-commerce di attesterà sui 20.000 euro circa. Questa risulta una stima prudente per affrontare tutti i costi necessari all’avvio di un’attività online funzionale ed accattivante per l’utente.

I costi iniziali e di avvio da tenere in considerazione saranno principalmente quelli riguardanti:

  • costi amministrativi, fiscali e burocratici per iscrizioni, adempimenti, tasse e consulenze del commercialista
  • creazione della piattaforma web e-commerce personalizzata (che comprende acquisto di un hosting, pagamenti per programmatore e web designer, sistemi di hardware, software e backup) / acquisto di un sito e-commerce chiavi in mano, generalmente low-cost, pensato per le start-up o per chi affianca un sito e-commerce ad un’attività fisica
  • primo stock merce (questo sarà sostituito dai costi per le materie prime nel caso si vendano prodotti artigianali ed artistici, mentre il costo sarà annullato nel caso in cui si offrano servizi oppure si venda merce con il sistema dropshipping o in conto vendita)
  • allestimento di sede e magazzino (a meno che non si sfrutti il dropshipping, con sistema logistico e merce di terzi)
  • lancio promozionale e campagne di comunicazione / pubblicità / marketing online attraverso social network, strumenti Google, AdWords, ecc.
  • strategie di miglioramento del posizionamento e dell’indicizzazione SEO del sito e-commerce
  • eventuali costi per assunzione di personale dipendente (anche da remoto, in smart-working) soprattutto per la gestione dell’assistenza clienti e per l’evasione degli ordini (sistema logistico)
  • apertura di accordi e convenzioni con le società di spedizioni / corrieri espresso
  • acquisto di hardware, software e strumentazione per la gestione del sito web e-commerce, del magazzino e del sistema logistico
  • analisi, pianificazioni e sviluppo del business (analisi fattibilità, analisi costi, redazione business plan, creazione del format, studio della piattaforma web e del layout, studio della gamma prodotti, analisi mercato / target, ecc)

Mentre i costi di gestione e periodici da tenere in considerazione riguarderanno la manutenzione ed il rinnovo periodico del sito web (quindi anche costi per programmatori, web designer, informatici, ecc), il personale eventualmente assunto, il rifornimenti di merce, gli oneri verso lo stato, i costi promozionali periodici, ecc.

Vuoi aprire un negozio online (praticamente) a costo zero? QUI trovi tutti i Franchising di E-Commerce in Dropshipping.

 

Come Avere Successo

Ad oggi per aprire un sito e-commerce di successo saranno fondamentali alcune accortezze, sempre necessarie per avviare un’attività online funzionale e davvero redditizia:

  • utilizzare tutti gli strumenti web per promozione, comunicazione e marketing
  • curare la presenza sui social
  • rispondere efficacemente alle necessità del proprio target
  • rinnovo costante ed anticipazione dei trend di mercato
  • attenzione al rapporto con il cliente ed assistenza post vendita
  • creazione di brand awareness
  • condivisione della storia aziendale, della vision e mission con la clientela
  • attenzione alle tematiche di sostenibilità ambientale / sociale
  • story telling e customer experience
  • sistema logistico puntuale ed efficiente
  • trasparenza ed accuratezza per le condizioni di prezzo, spedizione e descrizione prodotti
  • sito web accattivante e funzionale, facile da navigare ed intuitivo
  • APP per smartphone oppure sito web ottimizzato per la navigazione e l’acquisto da mobile

Oggi inoltre esistono moltissime proposte in franchising per aprire un e-commerce di successo, in qualsiasi settore vi venga in mente. Il franchising permette di avviare un’attività chiavi in mano, semplificata ed ottimizzata, anche senza pregresse esperienze nel settore. Inoltre, il franchising permette di avere una potenzialità di successo notevolmente più elevata rispetto all’avvio in autonomia, nonché rischi e costi inferiori.

QUI trovi tutte le migliori proposte in Franchising per aprire il tuo E-Commerce.

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere