Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
martedì 12 novembre 2019

Parola d'ordine: Customize 

Come Aprire un Negozio di Abbigliamento Personalizzato


L’abbigliamento personalizzato ha vissuto negli ultimi anni un forte incremento. Non solo l’abbigliamento personalizzato è sempre più apprezzato dai clienti privati, desiderosi di possedere oggetti unici e creativi, realizzati con immagini, testi o foto personali, ma sempre più spesso viene utilizzato da aziende, attività commerciali o sportive come strumento di marketing per veicolare in maniera creativa ed immediata un messaggio testuale, un concept o un nuovo brand.

come aprire un negozio di abbigliamento personalizzato


QUI i migliori Franchising di Abbigliamento Personalizzato e Stampa Digitale

Il settore

Le ultime analisi di mercato confermano come l’abbigliamento personalizzato sia un settore in crescita, grazie ai ridotti costi ed investimenti necessari per avviare il business nonché all’ampio ed eterogeneo target di riferimento. I potenziali clienti sono di fatti privati, aziende ed attività commerciali, associazioni sportive, e così via.

Per gli appassionati del settore ed i creativi desiderosi di intraprendere una carriera stimolante aprire un negozio di abbigliamento personalizzato risulta una scelta vincente e dall’elevato potenziale.

La stampa digitale, utilizzata per personalizzare i capi di abbigliamento, gli accessori ed i gadget di varia natura, è di fatti un settore valido in cui investire, con interessanti prospettive di sviluppo futuro. Negli ultimi 10 anni a prevalere in questo settore sono stati i colossi del commercio, soprattutto online, lasciando tuttavia ad oggi ancora spazio di inserimento per i nuovi piccoli imprenditori con un’idea originale aggiunta o desiderosi di specializzarsi in una determinata nicchia di mercato.

Nonostante la concorrenza del settore, infatti, aprire un’attività di personalizzazione può risultare molto redditizio.

La chiave del successo è saper interpretare il mercato, anticipandone i trend e le reali esigenze. Secondo gli esperti quello dell’abbigliamento personalizzato non è solamente una tendenza “fashion” ma risulterà per il futuro sempre più uno strumento di marketing innovativo ed efficace.

Un’importante esempio di questa tendenza lo offrono le attuali attività, soprattutto online, di personalizzazione. I negozi online che offrono personalizzazione di abbigliamento, gadget, oggettistica, materiale pubblicitario e molto altro, soddisfano un target eterogeneo composto sì da privati ma anche, e soprattutto, da aziende e professionisti.

Che si tratti di offrire gadget brandizzati ad un evento aziendale, di realizzare divise, o ancora di effettuare campagne di comunicazione e marketing “instagrammabili”, ogni tipologia di azienda ad oggi si può rivolgere a siti di personalizzazione di abbigliamento e gadget.

E per capire la “semplicità” con cui un’idea azzeccata ed originale possa dare vita ad un business di personalizzazione di grande successo, citiamo il caso delle magliette create a Biella da due imprenditori locali. La maglietta, riportante lo slogan “Che fatica la vita da bomber”, è risultata un’idea originale che, nata ingenuamente, è diventata presto un fenomeno virale sui social grazie alla promozione da parte di star e calciatori. Questo, con qualche accortezza imprenditoriale, ha dato vita ad un business online di abbigliamento ed accessori personalizzati che oggi riesce a generare un fatturato di 80.000 euro al mese. "Che fatica la vita da Bomber", su Repubblica breve storia di una maglietta diventata un business.

Una svolta importante nel settore della personalizzazione dell’abbigliamento l’hanno portata le nuove tecnologie. Ad oggi chi apre un’attività di personalizzazione può infatti sfruttare innovativi sistemi di grafica, progettazione, realizzazione e stampa che permettono, tramite stampa digitale o serigrafata, termosaldatura di adesivi o ricami personalizzati, o ancora stampa 3D, di personalizzare ogni materiale o tessuto, di qualunque dimensione.

Iter e requisiti

Per aprire un’attività di personalizzazione di abbigliamento non sono necessarie specifiche licenze, né titoli di studio, abilitazioni o esperienze pregresse. A livello burocratico, sarà sufficiente seguire l’iter burocratico come di seguito:

  • apertura Partita Iva
  • iscrizione al Registro delle Imprese
  • apertura delle posizioni INPS ed INAIL
  • comunicazione di inizio attività al Comune
  • requisiti di moralità e legalità per poter avviare un’impresa

Se si opta per l’apertura del negozio di abbigliamento e gadget personalizzati online, sarà necessario predisporre un laboratorio per la personalizzazione ed un piccolo magazzino, inizialmente anche da casa, ed una postazione da adibire ad ufficio. Sarà poi necessario realizzare un portale e-commerce e curare il suo posizionamento online.

Se si decide di aprire un negozio fisico di abbigliamento ed oggetti personalizzati, sarà necessario trovare una location strategica e visibile, con corretta destinazione, adempiere ai relativi step burocratici (come ad esempio il permesso per affiggere l’insegna) ed adeguarla secondo gli standard legali di agibilità, sicurezza, igiene, predisponendo eventualmente un piano di smaltimento per i rifiuti speciali prodotti, ed adeguando secondo necessità gli impianti per la depurazione dell’aria, e così via.

Quando si decide di aprire un negozio di abbigliamento ed oggettistica personalizzata sarà, come per ogni altra attività imprenditoriale, necessario disporre di buone doti personali (organizzazione, gestione, creatività, ecc) ed effettuare attente analisi e pianificazioni (studio del mercato, della concorrenza, del target, della location, analisi dei costi, redazione di un business plan, realizzazione del format, scelta dei servizi, studi di fattibilità, ecc).

Costi ed investimento

Per quanto riguarda i costi, questi saranno irrisori nel caso si opti per l’avvio di un negozio di metratura ridotta, tenendo l’attività di carattere artigianale ed iniziando “in piccolo”, mentre possono diventare davvero ingenti per attività di carattere più industriale, con produzione ingente ed un negozio di grandi dimensioni.

Per aprire un piccolo negozio fisico o online di abbigliamento personalizzato può bastare un budget di partenza di appena 10.000 euro. Per avviare un’attività di personalizzazione di abiti ed accessori, oggettistica e materiale promozionale e di marketing, rivolgendosi ad un target più eterogeneo e potendo soddisfare anche commissioni di grande portata, sarà necessario un investimento iniziale minimo che parte da 50.000 euro e può arrivare in alcuni casi anche oltre i 100.000 euro a seconda delle tecnologie e dei macchinari utilizzati.

I costi maggiori, per entrambe le tipologie di format, e sia per i negozi fisici che online, saranno legati all’acquisto, o il leasing, dei macchinari per la stampa e la personalizzazione, oltre ai software grafici e di gestione, seguiti dagli eventuali costi legati ad un negozio fisico (adeguamento, impianti, affitto ed utenze, arredamento, insegne, magazzino, materiale promozionale, ecc), a quelli inerenti la comunicazione ed il marketing, agli adempimenti burocratici ed a quelli dell’eventuale assunzione di personale.

Il franchising

Se entrare nel settore della personalizzazione di gadget, accessori, magliette ed abbigliamento in autonomia richiede inventiva, accurati studi ed originalità, nonché precisione nell’individuazione dei servizi e del target, aprire un negozio di abbigliamento personalizzato in franchising risulta molto più agevole e meno rischioso.

Scegliendo di aprire un negozio di abbigliamento, accessori ed oggettistica personalizzata in franchising, infatti, si potranno usufruire di importanti vantaggi, tra i quali:

  • know-how consolidato
  • marchio noto
  • utilizzo di un format collaudato e di successo
  • gamma di prodotti e servizi che incontrano i trend di mercato
  • fornitura di macchinari, software ed attrezzature innovative e tecnologiche
  • accordi commerciali e di fornitura vantaggiosi grazie alle economie di scala
  • formazione, assistenza, supporto ed affiancamento in fase di apertura e successivamente
  • riduzione del rischio d’impresa
  • visibilità a livello nazionale, anche grazie alle campagne di promozione centralizzate
  • supporto per valutazione e scelta della location
  • supporto per adempimenti burocratici, iscrizioni comunicazioni
  • supporto per marketing e promozione
  • progettazione ed allestimento chiavi in mano di un negozio accattivante e dinamico

Aprire un negozio di abbigliamento personalizzato in franchising, inoltre, richiede un investimento iniziale ridotto, compreso tra un minimo di 2.000 / 5.000 euro ed un investimento medio di 15.000 euro.

QUI i migliori Franchising di Abbigliamento Personalizzato e Stampa Digitale

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere