Logo AIF

Macchinette Automatiche: aprirle e gestirle

Come avviare un business con le "vending machine"

4 minuti

Torna alla sezione Aprire Attività per maggiori spunti ed informazioni.

Confronta tutte le proposte dei Franchising di Distributori Automatici

Il settore della distribuzione automatica in Italia, così come nel resto del mondo, presenta un trend in costante crescita. Secondo le stime ufficiali sarebbero infatti oltre due milioni e mezzo le macchinette automatiche presenti nel solo territorio italiano.

macchinette automatiche

 

Perché farne un business

Il successo dei distributori automatici risiede sia nella comodità per il consumatore che nella semplicità di gestione per l’imprenditore.

Il consumatore odierno ama la comodità di un distributore automatico aperto 24 ore su 24 ogni giorno dell’anno ed in grado di offrire una vastissima gamma di prodotti. Le vending machine di ultima generazione non offrono più solamente bevande calde e fredde e snack ma anche pasti completi cucinati direttamente all’interno della macchinetta, prodotti di uso quotidiano e per l’igiene, prodotti parafarmaceutici, articoli per adulti, prodotti tecnologici, gadget e giocattoli per bambini e moltissimi altri.

Sempre più persone in cerca di un’occupazione ed imprenditori desiderano aprire un’attività con i distributori automatici. Le ragioni sono l’investimento contenuto necessario e l’impegno lavorativo minimo che permettono sia di trasformare le macchinette automatiche in un business primario che di affiancarlo ad un’attività lavorativa o imprenditoriale preesistente.

 

I costi

Aprire e gestire un’attività con le macchinette automatiche non richiede un investimento iniziale ingente. I costi possono essere ridotti partendo in piccolo ed aumentando solo successivamente il numero di distributori.

Se si vuole aprire un piccolo negozio automatico con 2 / 3 macchinette l’investimento iniziale necessario sarà di circa 10.000 – 15.000 euro. Molto dipende dal tipo di prodotto offerto, in base a questo sia il costo dei rifornimenti che del tipo di distributore potrebbero essere suscettibili a rialzi o ribassi.

I costi di una macchinetta automatica partono da 1.000 euro, per i modelli più basilari che offrono caffè e snack, sino a 15.000 euro o più, per i modelli più complessi e personalizzati che preparano pasti o vendono prodotti hi-tech.

A generare un costo saranno le pratiche burocratiche, l’allacciamento alle reti elettriche ed idriche ove necessario, la location, i distributori automatici, le prime forniture di merci per riempire i distributori e le altre spese inerenti la promozione, la manutenzione e gestione dell’attività.

 

Come fare e cosa serve

Per aprire e gestire una o più macchinette automatiche sarà innanzitutto necessario scegliere le aziende fornitrici sia per i distributori che per i prodotti da vendere. In Italia esistono diverse aziende produttrici di distributori automatici, le migliori offrono assistenza continua post vendita con manutenzioni gratuite o a costi agevolati.

Successivamente sarà necessario trovare una location adeguata dove porre il distributore automatico. Le location più adatte sono quelle in centri commerciali, centri urbani e storici, vie commerciali e principali della città, aeroporti, stazioni ed in generale vie ad elevato transito sia di pedoni che di veicoli con possibilità di parcheggio.

Si potrà poi decidere la grandezza del proprio business aumentando o diminuendo il numero di distributori automatici gestiti in base alle proprie capacità economiche ed al tempo a disposizione. Per ogni distributore automatico aggiuntivo saranno necessari mediamente dai 1.000 ai 5.000 euro.

Se per gestire dai 2 ai 3 distributori automatici saranno sufficienti poche ore lavorative a settimana per monitorarle, rifornirle e per la manutenzione, gestire un numero elevato di macchinette automatiche diventerà un lavoro a tempo pieno.

L’iter burocratico da seguire per avviare e gestire un’attività con i distributori automatici è piuttosto semplice e non vengono richieste licenze particolari. Requisiti aggiuntivi possono essere richiesti in base al tipo di prodotto venduto all’interno delle vending machine (requisiti diversi sono infatti necessari per settori differenti quali ad esempio gli alimentari, i parafarmaci o i prodotti per adulti) ed in base alle normative locali e regionali.

In generale, gli adempimenti necessari sono:

  • Apertura Partita Iva
  • Iscrizione al Registro delle Imprese
  • Comunicazione di Avvio Attività al Comune
  • Apertura delle posizioni INPS ed INAIL
  • Permesso del Comune per occupare il suolo nel caso di installazione di una singola macchinetta o locale a norma in caso di apertura di un negozio automatico con più distributori
  • Attestato SAB o titolo equivalente nel caso si offrano cibo e bevande

Visiona i migliori marchi in Franchising di Macchinette Automatiche

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca