Scegli il settore

NEWS

Fonte:
SiPosta

Franchising Poste Private a basso costo?

Non è saggio pagare troppo, ma pagare troppo poco è peggio.

siposta franchising

Abbassare i prezzi ti obbliga ad abbassare la qualità del tuo servizio.

Ogni business, dalla multinazionale farmaceutica al venditore di caldarroste, ha delle soglie di profitto al di sotto delle quali l’attività non è più conveniente.

E lo stesso vale per consulenti, formatori, coach e per gli esperti in qualunque campo.

Se abbassi i prezzi di prodotti e servizi, per pagare l’affitto o la rata del mutuo o qualsiasi altra cosa, avrai bisogno di 4 clienti laddove prima te ne bastavano 2. 

Avendo poi il problema di non poter gestire bene i 4 clienti perchè sei strutturato per due.

Il fatto è che tu non sei una catena di fast food, che può comprare i panini al sesamo fatti col grano scadente e pagarli la metà per far quadrare i conti.

 Se sei un esperto che vende servizi, consulenze (specialmente in questo caso) o prodotti informativi, le tue risorse di base sono il tuo tempo e le tue energie.

E quelle non le puoi trovare a prezzi più bassi, come i panini al sesamo.

Avere 4 clienti anziché 2 implica che potrai dedicare a ciascuno la metà del tempo e delle energie rispetto a prima, e questo significa inevitabilmente abbassare la qualità dei tuoi servizi.

Peccato che se uno può essere disposto a mangiare un panino veloce a 4 euro anziché andare al ristorante, difficilmente sarà disposto, ad esempio, a farsi curare il mal di schiena da un chiropratico che segue 6 clienti diversi nell’arco di un’ora.

Questo semplicemente perché il panino veloce a 4 euro risolve comunque il problema del cliente, soddisfa (anche se con dei danni fisici e conseguenze morali opinabili) il suo bisogno.

Chi si rivolge a un esperto, però, non paga per prodotti o servizi. Prodotti e servizi sono solo dei mezzi per ottenere un risultato. Il cliente paga per avere quel risultato.

Paga per avere la soluzione a un problema e le trasformazioni che questo gli porta.

Chiudiamo con questo pensiero di JOHN RUSKIN

Pagare poco qualcosa che vale molto è sempre stato motivo d’orgoglio: chi non si è mai vantato di essere riuscito a strappare condizioni inimmaginabili prima di una trattativa?

E non è forse vero che molti di noi non badano al prezzo finale ma all’ampiezza dello sconto ottenuto?

Sentiamo una breve riflessione, attribuita a John Ruskin (critico d’arte, filantropo e “social thinker” inglese dell’800).

Non è saggio pagare troppo, ma pagare troppo poco è peggio.

Quando si paga troppo si perde un po’ di denaro , e basta. Ma se si paga troppo poco si rischia di perdere tutto, perché la cosa comperata potrebbe non essere all’altezza delle proprie esigenze.

La legge dell’equilibrio negli scambi non consente di pagare poco e di ricevere molto. È assurdo.

Se si tratta con il più basso offerente sarà prudente aggiungere qualcosa per il rischio che si corre: ma se si fa questo si avrà abbastanza per acquistare qualcosa di meglio.

Cosa aggiungere a queste parole?

Che chi acquista con l’intento di pagare troppo poco non agisce nel proprio interesse e che farebbe bene a cercare occasioni meno svantaggiose per dare soddisfazione al suo ego.

Non credi?

Per maggiori informazioni sul franchising clicca qui.

Inserita: lunedì 02 maggio 2016

Vai all’archivio
FRANCHISENEWS

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere