Logo Aprireinfranchising
Cerca
Cerca
Logo AIF

01 luglio 2020

Come aprire un negozio di detersivi.

Dai detersivi alla spina a quelli tradizionali. La guida da seguire per avere successo.

7 minuti

  

Visita anche la sezione Franchising - Detersivi.

 

I detersivi sono un prodotto che risente poco della crisi, una necessità a cui i consumatori non rinunciano. Aprire un negozio di detersivi può quindi essere una buona idea imprenditoriale, ma bisogna fare attenzione ad alcuni dettagli.
Innanzi tutto bisogna studiare attentamente il mercato e la zona in cui si decide di aprire il proprio negozio di detersivi. È fondamentale capire il tipo di target interessato, quanta richiesta di questo tipo di bene c'è in quell'area e se vi è la presenza di concorrenti che potrebbero intaccare i vostri profitti. Infine, sarà bene creare un format che si differenzi dalla concorrenza, e che tenga in considerazione gli ultimi trend di settore.

Il consiglio è quello di scegliere un'area di forte passaggio pedonale, con parcheggi vicini alla location, un'area abitativa ad alta concentrazione, con pochi negozi che offrano lo stesso tipo di merce ed evitare le aree vicine ai grossi supermercati. Un'analisi del territorio, del bacino di utenza, del target e della concorrenza sarà di grande supporto nella scelta della location più strategica.

come aprire negozio di detersivi

 

Scegliere la tipologia di negozio

Una volta studiata la zona ed essersi assicurati che questa sia adatta al tipo di impresa bisogna scegliere nel dettaglio l'offerta che si vuole presentare nel proprio negozio.

Ci sono infatti innumerevoli tipi di negozi di detersivi: da quelli per l'igiene personale a quelli di detersivi industriali, da quelli che offrono detersivi per la casa a quelli più specifici e professionali, fino ad arrivare al trend del momento: i negozi di detersivi ecologici ed alla spina. Tra i prodotti di tendenza in cui investire, o da includere nella propria gamma di prodotti, troviamo anche i saponi ed i detergenti BIO, eco-sostenibili, solidali, naturali al 100% e senza additivi o ingredienti chimici, ed i saponi fatti a mano (artigianali).

In base alla scelta che si effettua sia l'investimento che l'iter da rispettare e le necessità del punto vendita mutano fortemente e per questo la scelta deve essere ragionata sia in base alle proprie disponibilità personali sia in base allo studio effettuato sull'area dove si vuole aprire il negozio.

Ad oggi è possibile scegliere se aprire un negozio di detersivi specializzandosi in una nicchia di prodotti / clientela particolare oppure un negozio polifunzionale che offra prodotti a 360° nel mondo della detersione e pulizia, sia personale che degli ambienti e degli oggetti. Infine, è anche possibile scegliere di operare unicamente online, aprendo un e-commerce di detersivi e saponi, magari anche con la formula del dropshipping (vendendo prodotti di altre aziende, senza dover gestire magazzini, scorte né logistica, e pagando la merce solo dopo l'effettiva vendita).

Il business dei detersivi, dei saponi e dei detergenti risulta oggi ancora più redditizio rispetto al passato. Oltre alla crescente attenzione della popolazione a livello mondiale all'igiene personale ed al benessere, la pandemia mondiale che ha caratterizzato il 2020 ha portato con sé la necessità di pulire e disinfettare a fondo, eliminando batteri ed agenti patogeni (virus), dalla pelle, dagli ambienti, dagli oggetti e dalle superfici. In quest'ottica risulta interessante offrire nel proprio negozio anche prodotti igienizzanti specifici (gel igienizzante, detersivi disinfettanti e battericidi, saponi con proprietà antisettiche, ecc) nelle diverse formule di vendita alla spina o tradizionale, con prodotti in forma liquida o solida, includendo anche prodotti disinfettanti naturali ed artigianali (che rispettino la pelle e l'ambiente).
 

Cerca ispirazione anche tra i Franchising di Erboristerie e Profumerie.

 

Aprire un negozio di detersivi tradizionale

Sicuramente per un negozio che presenta detersivi confezionati, che siano specialistici oppure per la cura della persona e della casa, serviranno sia una metratura maggiore che più personale.

Il costo delle materie prime sarà inoltre maggiore e bisognerà anche scegliere con attenzione, in base alla richiesta di mercato, le marche da esporre e vendere al pubblico. Fondamentale per questa tipologia di negozio saranno poi le offerte e gli sconti periodici, oltre che la pubblicità effettuata tramite internet e volantini cartacei.
 

L'investimento iniziale che possiamo preventivare, per un locale di piccole-medie dimensioni (circa 80 mq) sarà tra i 60.000 e i 70.000 euro minimi.


Il franchising

Tra il costo del locale, le utenze, le spese burocratiche, il costo del personale e il costo per le prime ordinazioni di merce l'investimento iniziale può essere anche molto alto e difficilmente sostenibile.

Una possibilità è sicuramente quella di informarsi sui finanziamenti agevolati per i nuovi imprenditori presso la propria Regione, un'altra è invece rivolgersi ad un marchio franchisor già operante sul mercato.

Scegliere l'opzione del franchising può essere infatti, oltre che molto meno costoso, anche meno rischioso per l'imprenditore.

Un marchio già noto e conosciuto sul mercato offre clienti fidelizzati in breve tempo oltre che offrire una pubblicità più efficace, la propria esperienza professionale, consulenza, contratti vantaggiosi con i fornitori e agevolazione sui prezzi dell'arredamento necessario per il negozio.

Visita la sezione Franchising Detersivi.

 

Aprire un negozio di detersivi alla spina

Se invece si vuole investire in un tipo di attività relativamente nuova, che rispetta l'ambiente e non solo è ecosostenibile ma fa anche risparmiare clienti e imprenditore, si può scegliere di aprire un negozio di detersivi biologici, biodegradabili ed alla spina.

Un negozio di vendita di detersivi alla spina, quindi sfusi, presenta innumerevoli vantaggi:

  • è richiesto dalla clientela, sempre più attenta e sensibile alla questione ambientale
  • i clienti risparmiano sul prezzo del contenitore, il quale viene riutilizzato
  • il riutilizzo di contenitori riduce l'inquinamento e lo spreco di risorse ambientali
  • l'imprenditore, rivolgendosi a grossisti vicini alla propria area, risparmia sia sulla merce che sul trasporto grazie sia alla maggiore quantità acquistata sia al tipo di confezionamento
  • sempre più clienti si orientano verso negozi che offrono prodotti a km 0
  • la metratura necessaria per questo tipo di locale è davvero minima (circa 40 mq)
  • il personale necessario a servire i clienti è minimo (basta anche una sola persona)
  • non si necessita di particolare arredamento, solo degli erogatori di detersivi e di un bancone con cassa
  • l'investimento iniziale risulta molto ridotto
  • è un'attività che risente meno della concorrenza perché offre un servizio diversificato rispetto ai tradizionali negozio per la pulizia e l'igiene ed attira l'attenzione dei clienti che entreranno nel negozio anche solo per curiosità

L'investimento necessario per aprire un negozio di detersivi alla spina risulta minimo, bastano infatti tra i 20.000 e i 30.000 euro per aprire un negozio di piccole dimensioni, comprendendo tutte le spese.


Il franchising

Anche per i negozi di detersivi alla spina esiste una vasta offerta in franchising da parte di marchi operanti nel settore che possono offrire agevolazioni notevoli e un investimento iniziale ancora più contenuto.

Le offerte per aprire un negozio di detersivi alla spina in franchising vanno mediamente dagli 8.000 ai 15.000 euro.

Visita la sezione Franchising Detersivi.

 

L'iter burocratico per aprire un negozio di detersivi

Qualunque scelta imprenditoriale si effettui i prerequisiti fondamentali sono lo studio dell'area, del mercato e della domanda, la determinazione del target di riferimento e la redazione di un business plan accurato che preveda costi, utili e tempi di rientro dall'investimento.

Vediamo ora l'iter burocratico da seguire e le cui linee generali sono le stesse per qualunque tipo di negozio di detersivi si scelga di aprire.

  • Apertura Partita Iva, scelta della forma societaria e del regime fiscale
  • Iscrizione alla Camera di Commercio (e nel relativo Registro delle Imprese)
  • Ottenimento del nulla osta sanitario e sull'agibilità e rispetto delle norme dei locali da parte dell'Asl
  • Comunicazione di inizio attività presso il Comune
  • Apertura delle posizioni INPS ed INAIL del personale
  • Ottenimento del permesso per affiggere l'insegna
     

Invio telematicamente della Comunicazione Unica alla Camera di Commercio (con la quale si espletano la maggioranza degli adempimenti, comunicazioni, iscrizioni, di cui sopra)


Visita la sezione "Franchising Detersivi" per scoprire come aprire il tuo negozio di detersivi in franchising!

Visiona anche i Franchising di Erboristerie e Profumerie, dedicati all'igiene della persona.
 

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca