Logo AIF

Aprire un’Attività di Sanificazione e Igienizzazione COVID19

Oggi fondamentale strumento di prevenzione, domani norma comune..

6 minuti

La situazione di emergenza sanitaria in atto già da inizio 2020 sta fortemente mutando il mondo e le sue regole, anche in ambito economico. In questa situazione di crisi c’è tuttavia anche chi prospera.

Accanto alle attività di e-commerce, home delivery, food delivery e consegne a domicilio di ogni genere, nonché ad un’impennata mai vista prima degli acquisti di prodotti come guanti monouso, gel igienizzanti, mascherine e tute protettive, un’altra attività imprenditoriale che sta vivendo un trend assolutamente positivo è quella dei servizi di igienizzazione e sanificazione.

Per chi desidera entrare ora nel mondo imprenditoriale risulta quindi particolarmente vantaggioso inserirsi in una di queste realtà, offrendo servizi che oggi risultano fondamentali e per cui c’è ancora molta domanda non soddisfatta.

Apri la tua attività di Sanificazione e Igienizzazione COVID-19. QUI trovi i migliori Franchising operativi nel settore.


In questa guida vediamo quindi come aprire un’attività di sanificazione ed igienizzazione per il contenimento del Covid-19, in cosa consiste e come funziona, cosa serve, i costi, i requisiti ed i motivi per cui l’attività avrà successo anche quando l’emergenza sanitaria sarà terminata.

aprire attività covid-19

 

Come Funziona

La sanificazione è una buona norma sempre, anche in situazioni di normalità, ma ora che l’emergenza sanitaria è mondiale, sanificare e disinfettare aria, acqua, ambienti ed oggetti diventa quanto mai fondamentale per prevenire e limitare il contagio da Covid-19.

La sanificazione può avvenire con diversi sistemi e sostanze. Per gli ambienti domestici ed a basso rischio, così come in situazioni di normalità, si può optare per soluzioni tradizionali mediante sostanze pulenti e disinfettanti, anche chimiche. Tuttavia oggi, a causa della contagiosità del nuovo coronavirus, la disinfezione e la sanificazione degli ambienti deve essere effettuata con estrema cura ed in modo massiccio.

Tra le migliori metodologie di sanificazione ad oggi in vigore troviamo quelle che impiegano vapore oppure ozono. Nel primo caso il vapore viene spesso miscelato a sostanze e liquidi disinfettanti, a seconda delle superfici e degli ambienti trattati, nonché del grado di rischio di contaminazione. Entrambe sono comunque sostanze naturali ed ecologiche al 100%, nonché altamente efficaci nell’eliminazione ed inattivazione completa di virus (come il nuovo coronavirus Covid-19), agenti patogeni, acari, allergeni, batteri, funghi, spore, nonché odori.

La sanificazione con vapore oppure ozono avviene attraverso appositi macchinari che, con l’ausilio di un operatore, erogano attraverso un getto le sostanze disinfettanti, capaci di penetrare anche in tessuti e luoghi difficilmente raggiungibili manualmente ed adatte ad ogni luogo, superficie e materiale, comprese aria ed acqua. Il processo, quando non sono previsti additivi particolari, risulta totalmente naturale, atossico e non nocivo, ecologico e sicuro per ambienti, persone ed animali. Ne è un esempio la sanificazione con ozono, utilizzata in ambito industriale ed alimentare già da molti anni, ad esempio per disinfettare le bottiglie d’acqua in fase di riempimento.

Il Franchising ha già da molti anni intuito le potenzialità del business della sanificazione mediante ozono e vapore. Scopri QUI i migliori marchi che offrono affiliazione ed avvia la tua attività di sanificazione con un iter semplificato.

aprire attività sanificazione igienizzazione covid-19

 

Il Target e Cosa Serve

Se pur la sanificazione sia ad oggi obbligatoria solo per ospedali, mezzi di trasporto, mezzi di soccorso, mezzi pubblici, ambulatori, luoghi pubblici, strade, uffici, supermercati ed alimentari, nonché ovviamente luoghi in cui vi siano stati casi di positività da Covid-19, risulta comunque altamente consigliata dal Ministero della Salute per tutti i luoghi di lavoro, privati e pubblici, nonché commerciali in cui vi sia la presenza di persone, clienti o lavoratori.

Ecco quindi che il potenziale target risulta ampissimo ed è composto da attività commerciali, aziende ed uffici, enti pubblici e privati.

Se pur ad oggi la domanda sia notevolmente influenzata dalla situazione di emergenza sanitaria dovuta al covid-19, anche per gli anni a venire si prevede che la disinfezione e sanificazione diventerà sempre più norma comune, sia nei luoghi domestici che nei luoghi di lavoro, negli uffici, nelle attività commerciali ed in tutti i luoghi e mezzi pubblici, anche esterni.

Per esercitare l'attività di pulizia e disinfezione (sanificazione) è necessario un patentino rilasciato dalla Camera di Commercio:

  • se si utilizzano macchinari e materiale con determinate certificazioni
  • se si possiede almeno uno dei seguenti requisiti:
    - attestato di qualifica a carattere tecnico attinente l'attività conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale (un corso di 60 ore)
    - oppure diploma di istruzione secondaria superiore in materia tecnica attinente l’attività
    - diploma universitario o laurea utile ai fini dello svolgimento dell'attività.

Il corso è di fondamentale importanza al fine di utilizzare macchinari, tecnologie e sostanze efficaci e brevettate, in conformità con tutte le normative attuali (italiane ed europee) e nel rispetto di eventuali situazioni a rischio. Ad esempio, bisognerà avere particolari accortezze nell’accedere ad aree delicate quali sale operatorie, ospedali o cliniche, oppure ancora in situazioni di emergenza sanitaria, come quella attuale, si prevederà l’utilizzo di speciali protezioni quali guanti, mascherine apposite, tute protettive.

Sarà inoltre necessaria l’apertura di una Partita Iva, l’iscrizione al Registro delle Imprese, la comunicazione di Inizio Attività al Comune, nonché l’apertura delle posizioni INPS ed INAIL, e tutti gli adempimenti di natura fiscale e commerciale previsti per legge. Utile potrebbe risultare anche la stipula di specifiche assicurazioni sia per la tutela della clientela che del personale addetto alle operazioni di disinfezione.
Ricorda Disinfezione non è uguale a Disinfestazione. Qui la risposta ad un nostro utente.

A livello di costi, stiamo parlando di un investimento di circa 10.000 euro (costi di avvio, burocratici, acquisto iniziale delle attrezzature di base). A questo investimento si dovranno aggiungere, in caso di ampliamento dei servizi o di attività di medie / grandi dimensioni, i costi inerenti al personale assunto, ai macchinari aggiuntivi, ai veicoli ed ai costi promozionali, nonché tutti i costi periodici e variabili.

A livello normativo sarà sufficiente espletare l’iter base per l’avvio di un’attività (Partita Iva, iscrizione al Registro delle Imprese, INPS ed INAIL, comunicazione di inizio attività, ecc).

Fondamentale sarà la messa in sicurezza degli addetti, nonché dei clienti (è consigliabile attivare anche un’assicurazione idonea). Soprattutto nell’attuale situazione di emergenza da COVID-19 sarà di fatti necessario l’impiego di mascherine, guanti, tute protettive per tutelare la salute di tutti i presenti sul luogo.

 

QUI trovi l’elenco con le migliori proposte in Franchising per aprire la tua attività di Igienizzazione e Sanificazione, anche per la prevenzione del Covid19.

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca