Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
venerdì 30 agosto 2019

Avviare un'attività senza magazzino, rimanenze o investimenti nelle forniture 

Aprire un Dropshipping

QUI puoi trovare tutti i migliori Franchising in Dropshipping

Leggi anche: come aprire un e-commerce - la guida completa

Negli ultimi anni nel mondo dell’imprenditoria si stente sempre più spesso parlare di dropshipping. Questo sistema è di fatti, insieme al conto vendita, uno dei più vantaggiosi per gli aspiranti imprenditori che desiderano avviare la propria attività autonoma, senza tuttavia dover investire grandi somme, ed anche senza esperienze pregresse nel settore o una location fisica obbligatoria.

Vediamo dunque insieme cos’è il dropshipping, come funziona, cosa serve per aprire la propria attività in dropshipping nonché tutti i vantaggi e svantaggi dell’aprire un dropshipping attraverso il franchising.

aprire un dropshipping

 

Cos’è il Dropshipping e Come Funziona

L’idea di base del sistema dropshipping è quella di poter vendere prodotti senza averli effettivamente o fisicamente a disposizione in un proprio magazzino. Questo sistema permette di sfruttare soprattutto le potenzialità dell’e-commerce minimizzando le spese per l’avvio dell’attività, i rischi di gestione, ed anche tutti i costi periodici e di fornitura.

Il dropshipping è largamente utilizzato soprattutto dalle piattaforme di commercio online, da qui una vasta gamma di sistemi dropshipping con diverse caratteristiche.

Tutti i sistemi dropshipping tuttavia funzionano più o meno allo stesso modo.

Il cliente effettua online l’acquisto di un prodotto sul sito internet con merce in dropshipping. Il prezzo di vendita supera quello di acquisto all’ingrosso dello stesso bene, e dunque il prezzo riservato all’e-commerce in dropshipping.

Con questo prezzo ridotto chi gestisce un’attività in dropshipping acquisterà dunque il bene presso il dropshipper. Una volta inoltrato l’ordine al dropshipper (che spesso avviene in maniera automatica grazie a software appositamente studiati) sarà il dropshipper a curare e mettere in atto tutta la parte logistica e quindi imballaggio, preparazione dell’ordine, spedizione e consegna al cliente.

Chi gestisce l’attività in dropshipping potrà dunque beneficiare, con una semplice operazione di sola vendita mediante il sito e-commerce, del profitto derivante dalla vendita (la differenza tra il prezzo all’ingrosso ed il prezzo offerto al cliente finale).

Inoltre, il sistema dropshipping prevede che il possessore del sito e-commerce in dropshipping inoltri prima l’ordine del cliente al proprio dropshipper, senza pagare subito la merce la quale verrà pagata solo dopo l’effettivo incasso dal cliente finale.

Questo sistema permette dunque di azzerare i costi di rifornimento della merce, nonché i costi iniziali per l’acquisto della merce in fase di avvio dell’attività.

Inoltre, il sistema dropshipping permette di azzerare anche tutti i costi inerenti l’allestimento e la gestione di un magazzino, la gestione delle scorte e delle rimanenze, nonché tutti i costi legati alla logistica ed alle spedizioni.

Aprire un negozio online in dropshipping risulta quindi una soluzione imprenditoriale capace di garantire guadagni soddisfacenti a fronte di costi di avvio e gestione esigui nonché di un rischio imprenditoriale quasi nullo. Di contro, aprire un negozio in dropshipping riduce i potenziali guadagni (in quanto il margine di ricarico risulta più ridotto) rispetto all’avvio di un sito e-commerce gestito interamente in autonomia e con merce propria.

 

Cosa Serve per Aprire un Dropshipping

Per aprire un’attività in dropshipping sarà innanzitutto necessario aprire il proprio negozio virtuale, creando o facendosi creare da esperti del settore un sito e-commerce funzionale. Parallelamente sarà anche necessario trovare il proprio fornitore per la merce in dropshipping (dropshipper).

Il vero ostacolo quando si apre un’attività online in dropshipping non è la creazione del negozio online né tantomeno la scelta del fornitore, bensì la concorrenza agguerrita che il commercio elettronico presenta. Infatti, per aprire un negozio in dropshipping di successo è fondamentale sapersi distinguere dalla concorrenza ed offrire un prodotto accattivante, strategie di prezzo efficaci, nonché ottenere una visibilità, un posizionamento ed una reputazione online sufficientemente buone ed affidabili.

Aprire un negozio in dropshipping di successo in autonomia risulta quindi non sempre facile, soprattutto per quegli aspiranti imprenditori senza esperienze o competenze in materia. Una buona soluzione offerta direttamente dai dropshipper è quella di aprire un negozio in dropshipping in franchising.

Aprire un negozio in dropshipping in franchising significa poter contare, oltre che sulla merce in dropshipping, su magazzino e logistica centralizzate e su pagamenti successivi alla vendita della merce, anche su tutti i vantaggi offerti dal contratto di affiliazione commerciale.

Sia che si intenda avviare l’attività in autonomia che attraverso il franchising, aprire un sito e-commerce in dropshipping richiede un budget di avvio molto ridotto. Per un’attività in dropshipping autonoma sarà sufficiente un investimento iniziale complessivo di 5.000 / 10.000 euro.

Mentre per aprire un dropshipping in franchising l’investimento iniziale difficilmente supera i 5.000 euro.

 

Vantaggi e Svantaggi dei Franchising con sistema Dropshipping

Tra i principali vantaggi dell’aprire un negozio online con sistema dropshipping in franchising troviamo:

  • formazione e trasferimento del know-how
  • assistenza completa, consulenza, affiancamento e supporto costante, sia prima che dopo l’apertura del business
  • fornitura completa del necessario (software, utilizzo del marchio, merce, ecc)
  • creazione di un portale e-commerce ad hoc, spesso personalizzato, già indicizzato e ben posizionato sul web, accattivante e funzionale
  • supporto per il lancio dell’attività e per la comunicazione / campagne promozionali
  • vendita di merce già conosciuta ed apprezzata dalla clientela con una gamma di prodotti di tendenza ed accuratamente selezionata
  • utilizzo di un brand (quando l’attività non è personalizzabile interamente) già noto e consolidato
  • non è necessaria una location fisica (si può anche lavorare da casa)
  • non è necessario un magazzino
  • i costi di avvio e gestione sono esigui
  • il rischio imprenditoriale è quasi nullo
  • gli orari di lavoro sono flessibili ed è possibile gestire l’attività anche senza alcun personale dipendente

Alcuni degli svantaggi dell’apertura in franchising di un e-commerce in dropshipping possono essere:

  • vincolo all’acquisto esclusivo presso il dropshipper / casa madre
  • una gamma predeterminata di prodotti di vendita tra cui scegliere
  • un margine di guadagno più ridotto rispetto alla vendita autonoma (in quanto lo stesso dropshipper si riserva un margine di guadagno sul prezzo all’ingrosso offerto all’affiliato)
  • possibile richiesta da parte del dropshipper (in quanto franchising) di pagamenti periodici o una tantum quali fee d’ingresso alla rete franchising (comprensiva dei primi servizi, della creazione di un portale e-commerce, della fornitura di software o hardware, della promozione di lancio, del supporto e della formazione iniziale, dell’esclusiva di zona, ecc.) nonché royalty in formula fissa o percentuale sul fatturato, contributi pubblicitari (nel caso in cui la promozione sia centralizzata), canoni per l’utilizzo di piattaforme o software di appartenenza della casa madre
  • la concorrenza nel settore è molto elevata
  • minore indipendenza e discrezionalità
  • difficoltà che possono derivare dallo scegliere un dropshipper affidabile, puntuale e competente, con una filosofia e mission incline alle proprie aspirazioni personali

Visiona tutti i migliori Franchising con merce in Dropshipping QUI

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere