Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
lunedì 15 luglio 2019

Una figura non ben vista ma che consente elevati guadagni. 

Come diventare REseller?

Visiona QUI tutti i migliori Franchising Online

e QUI tutti i franchising in Dropshipping


Chi è il reseller e cosa fa, il mercato e le potenzialità del business

Il reseller non è una vera e propria professione imprenditoriale ma bensì l’attività di un privato che metodicamente compra oggetti in tiratura limitata e li rivende a prezzi maggiori rispetto a quelli di listino.

L’attività di reseller sta prendendo molto piede e nasce proprio grazie al fatto che edizioni speciali di vestiti, orologi, scarpe ed apparecchiature elettroniche e tecnologiche siano immesse sul mercato in numero limitato. La domanda per questo genere di beni è di fatti spesso di gran lunga superiore all’offerta.

Il reseller, quindi, grazie alle proprie conoscenze ed a strategie mirate, riesce ad acquistare il prodotto in grande quantità, e mediante il proprio network rivende lo stesso a valori che possono arrivare al 300% del prezzo di listino da lui pagato.

A patto che il network di acquisto e rivendita di tali beni sia ben rodato, ed a patto che il reseller metta in atto l’attività metodicamente e con fiuti per gli acquisti, i guadagni di un reseller possono essere davvero elevati.

L’attività dei reseller non è ben vista poiché crea un mercato parallelo a quello ufficiale ed i relativi prezzi sono enormemente gonfiati a causa dell’elevata richiesta.

Alla base dell’attività dei reseller, nonché dell’elevata redditività del business, oltre che della possibilità di rincarare tanto i prezzi originari dei beni in edizione limitata, vi sono il valore sociale ed emozionale che tali beni hanno. I prodotti in edizione limitata infatti incentrano tutto il proprio valore sullo status symbol che questi portano con sé alle persone che li possiedono. Infatti i prodotti in edizione limitata sono identificati come rari e di elevato valore sociale ed il relativo prezzo, elevato già sul mercato ufficiale e rincarato enormemente nel mercato parallelo creato dai reseller, è dovuto più ad un valore ideale attribuitogli dalla domanda che al reale valore intrinseco dei materiali di cui è composto il bene.

Leggi anche: Come aprire un E-Commerce - Guida Completa

 

Alcuni prodotti che hanno fatto guadagnare i reseller

Vediamo insieme alcuni esempi eclatanti di prodotti in edizione limitata che hanno acquisito valori stellari sul mercato parallelo dei reseller.

Un primo esempio sono le felpe disegnate da Fedez e dalla moglie Chiara Ferragni, e prodotte da Diesel, che originariamente erano state pensate per essere regalate, senza alcun costo aggiuntivo ma ovviamente in edizione limitata, ai fan che avessero acquistato l’ultimo album del cantante. Queste, a causa dell’elevata richiesta da parte dei fan che non sono riusciti ad accaparrarsi la felpa di Fedez, sono arrivate a costare sui siti di vendita tra privati, come eBay, cifre astronomiche, sino a 12.000 €.

E lo stesso sembra avvenire per tutti i prodotti in tiratura limitata disegnati da Fedez e Chiara in collaborazione con Diesel, la cosiddetta “Capsule Collection Design by The Ferragnez”, che comprendono cappellini, magliette, felpe, tazze e calzini.

Solo per comprendere quanto l’attività dei reseller sia poco ben vista dai mercati di vendita ufficiale basta considerare che lo stesso Fedez ha pubblicato sui social un “appello” in cui disincentiva l’acquisto delle felpe ad un prezzo tanto rincarato.

Un altro esempio di prodotti in tiratura limitata enormemente richiesti e rivenduti dai reseller sono, per rimanere in tema, le scarpe sportive, spesso di marca Nike o Adidas, disegnate o sponsorizzate da cantanti o in edizioni speciali limitate. Hanno avuto questa sorte le scarpe Nike Air Yeezy 2, disegnate da Kanye West che, originariamente venute al prezzo di 245 dollari, circa 200 euro, sono arrivate a costare online, sui canali non ufficiali, sino a 90.000 dollari, ben oltre 70.000 euro. Anche queste, originariamente vendute negli store ufficiali, hanno attirato una domanda ben superiore all’offerta che ha creato la vendita tra privati tramite canali paralleli, come il sito di aste eBay. Sempre del marchio Nike, la stessa sorte era toccata anche alle scarpe in edizione limitata ispirate al noto film Ritorno al Futuro, ed in particolare al modello indossato da Marty McFly, che sono state vendute ad un’asta di beneficienza a Los Angeles per circa 30.000 euro.

Sempre rimanendo nel comparto moda, un altro marchio che ha attirato l’attività di reseller è Rolex, il noto marchio di orologi. Se pur siano molti i modelli di orologi Rolex ad essere richiesti dal mercato con una domanda superiore all’offerta del nuovo, confluendo quindi sul mercato dell’usato e dei reseller privati, alcuni orologi Rolex sono più richiesti degli altri per via della produzione limitata. Un esempio ne sono gli orologi Rolex di Hulk, Batman o Pepsi, prodotti in tiratura limitata e divenuti subito richiestissimi, tanto da incrementare costantemente il proprio valore sul mercato privato dei reseller.

In tutti i casi è dunque chiaro come il valore intrinseco del bene, ma anche lo status symbol del marchio produttore dello stesso, siano di lunga inferiori al valore che questi oggetti in edizione limitata hanno assunto sul mercato parallelo dei reseller, proprio a causa dell’insufficienza materiale dei prodotti offerti nel coprire la domanda.

 

Come diventare reseller, guida e consigli

Con queste premesse, sono ovviamente moltissimi i privati che si chiedono come diventare reseller e come guadagnare con questa attività.

Innanzitutto bisogna capire che un reseller che voglia garantirsi un guadagno costante dovrà svolgere l’attività in maniera sistematica, acquistando e rivendendo più prodotti in edizione limitata e spaziando tra diverse categorie merceologiche.

Inoltre sarà fondamentale che il privato che voglia diventare reseller sia in grado di valutare e scegliere i prodotti su cui investire. Diventare reseller è in un certo senso proprio questo, un investimento in beni e prodotti in edizione limitata che, anche se generalmente dal costo iniziale non contenuto, si è certi aumenteranno il proprio valore in breve tempo, ed in maniera esponenziale, non appena i canali ufficiali avranno esaurito le proprie scorte.

Per garantirsi un guadagno è tuttavia fondamentale scegliere con cura i prodotti in edizione limitata che presenteranno effettivamente una domanda ben superiore all’offerta.

Infine, per diventare reseller sono necessarie, oltre a doti di analisi e valutazione, anche capacità di comunicazione, organizzazione, acume finanziario e conoscenze informatiche e di marketing, almeno di base.

Queste capacità saranno fondamentali perché il reseller riesca ad acquistare i beni in edizione limitata più richiesti (che non è facile ottenere mediante i canali ufficiali) e riesca a rivenderli mediante un network online. A corredare l’attività e portarla al successo saranno poi lo sviluppo un network di conoscenze per accedere in maniera più facile ai prodotti in tiratura limitata, una corretta sponsorizzazione nella fase di vendita del bene online ed un buon budget di partenza per acquistare i primi prodotti in edizione limitata.

L’attività di reseller si svolge ovviamente intermante online. Per diventare reseller infatti, una volta acquistati i beni in edizione limitata, è sufficiente registrarsi su siti di vendita tra privati, come il noto sito eBay, e di e-commerce privato, e sponsorizzare correttamente la vendita, o l’asta, mediante i social, per attirare il numero più elevato possibile di potenziali acquirenti.

Per tutti coloro che sono interessati a diventare reseller o ad aprire un’attività di commercio online, invitiamo a visitare la categoria Franchising di Vendita Online e Franchising in Dropshipping.

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere