Scegli il settore

NEWS

Fonte:
Comuni a Domicilio

Ecco il Franchising-Antidoto contro il Coronavirus.

home delivery e coronavirus


Tre motivi per aprire un’agenzia a marchio Comuni a Domicilio

È proprio il caso di dire “Da un problema un’opportunità”. Comuni a Domicilio casca a pennello e risulta essere il franchising ideale per fare impresa e contrastare la crisi da coronavirus. Vediamo come e perché.

Comuni a Domicilio si pone come franchising-antidoto alla crisi attuale scaturita dal nuovo virus Covid-19. Infatti, l’imprenditore che opera col marchio di Comuni a Domicilio, offre servizi di e-commerce alle imprese commerciali e servizi di consegna a domicilio, il tutto tramite un’app mobile che racchiude tutti i negozi della città nel palmo della mano.

Una sorta di centro commerciale mobile che consente agli utenti di fare acquisti a distanza, dunque rimanendo in casa, e ricevere tutto a domicilio in totale sicurezza.

Ecco tre motivazioni serie per aprire e gestire un business Comuni a Domicilio nel tuo territorio.

home delivery coronavirus covid-19

3 motivi attuali per aprire un franchising Comuni a Domicilio

1. Gli esercizi commerciali hanno bisogno di arrivare a domicilio

In primis, tutti i settori, dai ristoranti alle farmacie, hanno urgente bisogno di consegnare a domicilio i loro prodotti. Dal momento che la gente inizia a uscire poco di casa, per contrastare il calo vendite da Covid-19 gli esercizi commerciali sono obbligati ad affidarsi ad agenzie di consegne a domicilio e partner che offrano servizi di home delivery.

Inoltre, prima ancora di consegnare a casa delle persone, le stesse attività commerciali hanno la necessità di proporre online i propri prodotti, consentendo ai clienti di poter ordinare e pagare direttamente tramite e-commerce, possibilmente mobile commerce (m-commerce).

Per esempio, da poche ore è giunto l’Ok del governo con cui i ristoranti possono rimanere eccezionalmente aperti dopo le 18:00 unicamente in virtù del servizio di food delivery (cibo a domicilio). Così, benché chiusi al pubblico, ristoranti e locali potranno continuare a cucinare per portare il cibo solo ed esclusivamente a domicilio.

2. Non ci sono molti players di consegne a domicilio in Italia

Altro fattore positivo è l’assenza di competitors che si occupino di consegnare a domicilio qualunque tipo di prodotto. La maggior parte dei players attuali si occupa di food delivery (JustEat, Glovo, Deliveroo), fatta eccezione per Amazon. Ciononostante, la richiesta di ricevere a domicilio qualunque cosa è agli apici e nemmeno un colosso come Amazon riesce a far fronte alla richiesta degli italiani.

Basta vedere cosa sta accadendo con le varie insegne di supermercati a causa dell’elevata richiesta del servizio di spesa a domicilio. Partendo da Esselunga che sta rinforzando il servizio, ai supermercati Pam che non garantiscono più la consegna in giornata, fino ad Amazon Prime Now non più disponibile a Milano e Torino.

3. Il futuro anticipato di 5 anni e la lettera “E” davanti a tutto

E-commerce, e-learning, e-bankingE-services: non più il futuro ma il presente. A causa del coronavirus, l’economia non sarà più come prima. Il Covid-19 ha anticipato tutto di ben 5 anni, ponendo la “e” davanti tutto. Sempre più consegne a domicilio, servizi online, corsi scolastici ed esami universitari tenuti su siti di e-learning, video on demand e piattaforme di streaming come “l’effetto Netflix”.

Fai impresa in maniera intelligente e trasforma un grande problema nella tua grande opportunità

A causa del coronavirus niente sarà più come prima, specialmente l’economia, sia in Italia che nel mondo. Ecco perché in un momento così difficile, è bene compiere le scelte giuste e operare in maniera previdente. Sebbene, il momento non sia dei più favorevoli, è bene agire e trasformare un grande problema in una grande opportunità.

Se il governo dice di rimanere quanto più isolati possibile, se gli utenti chiedono di ricevere tutto a domicilio, se le aziende richiedono urgentemente un partner che gli aiuti con le consegne a domicilio e l’e-commerce, noi siamo in grado di soddisfare tutte queste richieste grazie al franchising di Comuni a Domicilio.

Tu puoi essere in grado di soddisfare le nuove richieste di mercato grazie all’offerta di servizi a marchio Comuni a Domicilio nella tua area territoriale di esclusiva. Se ti senti pronto, scegli il settore dell’home delivery: fai la scelta giusta al momento giusto e contattaci per capire meglio come sfruttare questa opportunità.

SCOPRI DI PIU' E CONTATTACI

CLICCANDO QUI

Inserita: mercoledì 11 marzo 2020

Vai all’archivio
FRANCHISENEWS

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere