Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
mercoledì 23 ottobre 2019

Entra nel settore della mobilità con una posizione di leadership. 

Aprire un Autonoleggio in Franchising

Leggi anche la guida completa: Come aprire un autonoleggio (in autonomia)

Visiona tutti i migliori Franchising di Noleggio QUI

E le migliori reti franchising nel settore Auto, Moto ed Ecoveicoli QUI

Il settore della mobilità in Italia è fortemente mutato negli ultimi anni. Le moderne esigenze dei consumatori odierni in fatto di spostamenti ha di fatti rivoluzionato alcune classiche attività ed ha permesso la nascita e l’espansione di nuovi business.

Tra questi, e di grande successo negli ultimi anni, troviamo gli autonoleggi. Se fino a qualche anno o decennio fa il possesso dell’auto era una prerogativa importante per chi si spostava quotidianamente e per lavoro, ad oggi si assiste ad una sempre maggiore presenza della cosiddetta “sharing economy”. Ad oggi l’auto dunque diventa sempre più un oggetto da utilizzare più che da possedere.

A concorrere al crescente successo della sharing economy applicata alle auto vetture ed ai mezzi di trasporto sono anche i nuovi format dei business nati in questo settore. Gli autonoleggi di successo offrono di fatti ad oggi un’ampia gamma di veicoli e di servizi, hanno a disposizione una ramificata rete che permette copertura nazionale, e spesso anche internazionale o europea, e si rivolgono ad un target di clientela molto eterogeneo.

Aprire un autonoleggio permette di fatti, con la giusta gamma di servizi, ed offrendo la giusta gamma di veicoli (auto, moto, scooter, veicoli commerciali, veicoli privati ed anche veicoli elettrici), oltre ai vari servizi di noleggio a breve, medio e lungo termine, di avviare un business autonomo di successo ed in linea con le attuali tendenze di mercato.

Il potenziale target di riferimento è molto ampio in quanto un autonoleggio risponde alle esigenze di mobilità provvisoria, o a lungo termine, di una clientela eterogenea, dai privati alle aziende, passando per i professionisti ed i turisti, ed in generale per chiunque abbia necessità di spostarsi per trasferte, viaggi, in vacanza, per traslochi e per eventi particolari e non è in possesso di un’auto, o ha necessità di un’auto alternativa alla propria.

come aprire autonoleggio franchising

Per avere successo in questo settore, tuttavia, è necessario scegliere accuratamente il format, i prodotti ed i servizi, curare la comunicazione ed individuare correttamente il proprio target ideale, scegliere una location strategica ed altamente visibile, nonché avere a disposizione un network. Quest’ultimo in particolar modo permette di offrire alla clientela una più ampia gamma di servizi, copertura ed assistenza su un territorio più ampio, prezzi concorrenziali (grazie al potere commerciale esercitato nel rifornimento delle auto e dei veicoli), nonché la comoda possibilità di noleggiare l’auto in un luogo / città, effettuando la riconsegna in un luogo diverso.

Per poter fare tutto questo, la soluzione più indicata è quella di aprire un autonoleggio in franchising, affiliandosi non solo ad un network esteso, collaudato e di successo, con una visibilità e notorietà già consolidate, ma anche potendo in questo modo accedere a condizioni commerciali vantaggiose, un format testato e di sicuro riscontro, contenendo i costi di avvio e di gestione e riducendo notevolmente il rischio d’impresa.

Vediamo di seguito come aprire un noleggio auto in franchising, come funziona, cosa serve e tutti i vantaggi e svantaggi, oltre ai requisiti legali ed ai costi ed investimenti necessari.

 

Come funziona

Il contratto di affiliazione commerciale è un accordo tra due parti: azienda franchising (franchisor o casa madre) ed affiliato (franchisee).

Entrambe le parti rimangono indipendenti ma condividono format di business, mission, vision e filosofia, obbiettivi e strumenti di lavoro, oltre che know-how, tecniche di gestione ed organizzazione, conoscenze ed esperienze, nonché marchio ed immagine standardizzate.

Questa formula permette da un lato alla casa madre di espandersi, incrementando la capillarità del network a livello nazionale ed internazionale, nonché aumentando la notorietà del proprio marchio, contro il decentramento dei costi e degli oneri di avvio e gestione, in parte sostenuti dagli affiliati. Dall’altro, l’affiliato potrà entrare nel settore anche senza esperienze o conoscenze approfondite ma in maniera efficace e remunerativa grazie al supporto, formazione, assistenza e know-how trasferitigli dalla casa madre.

Aprire un autonoleggio in franchising permette inoltre di utilizzare un format già testato e collaudato e di sicuro successo e riscontro sul mercato. Aprire un autonoleggio in franchising permette di fatti di avere un target di riferimento già definito, servizi e prodotti di sicuro interesse, nonché di offrire sempre le ultime novità ed innovazioni del settore della mobilità come noleggio di veicoli elettrici e servizi di car sharing, ecc.

 

Cosa serve

Aprire un autonoleggio in franchising permette di affiancarsi ad una realtà nota ed esperta, facendo dunque il proprio ingresso nel settore con una posizione privilegiata, o di leadership. Aprire un autonoleggio in franchising, dunque, grazie alla formazione ed al supporto offerti agli affiliati, non richiede particolari competenze, conoscenze o esperienze nel settore. Aprire un autonoleggio in franchising non richiede alcun titolo di studio specifico, né licenze o permessi specifici. Ad essere indispensabili sono tuttavia predisposizione al rapporto con la clientela, capacità organizzative, doti imprenditoriali e predisposizione alla contrattazione, oltre che ovviamente una passione forte per il mondo della mobilità.

Per aprire un autonoleggio in franchising saranno generalmente richiesti standard specifici, e chiaramente esplicitati in fase iniziale, riguardo la location ed il locale. La metratura minima necessaria, così come l’impianto iniziale ed il parco auto, le caratteristiche della zona e dell’ubicazione, ecc, variano da marchio a marchio. Per aprire un autonoleggio in franchising in cui si svolge il semplice compito di intermediazione, ad esempio, non sarà necessario un parco auto proprio e basterà dunque allestire un ufficio per l’accoglienza dei clienti di appena 30/40 mq.

Per quanto riguarda gli adempimenti burocratici, l’iter per aprire un autonoleggio è similare a quello necessario per altre attività commerciali (partita Iva, iscrizione al Registro delle Imprese, apertura posizioni INPS ed INAIL, comunicazione di inizio attività, ecc). Tuttavia, quando si decide di aprire un autonoleggio in franchising si avrà spesso la possibilità di farsi seguire negli espletamenti burocratici dalla casa madre, o da uno studio legale e commerciale convenzionato, che permetterà di snellire e velocizzare tutto l’iter, evitandovi di commettere errori.

Per quanto riguarda i costi, aprire un autonoleggio in franchising richiede generalmente un investimento, chiavi in mano, a partire da un minimo di € 5.000 ed arrivando ad investimenti di massimi 40.000 euro circa.

L’investimento iniziale richiesto varia in base alla metratura del parco auto e del locale, all’ampiezza dell’attività e dei servizi offerti alla clientela, in base alla tipologia di veicoli offerti, alla notorietà del marchio nonché ai servizi e prodotti inclusi nel format di affiliazione.

Nell’investimento iniziale è generalmente compreso tutto ciò che serve ad avviare e gestire l’attività, rimangono tuttavia a carico dell’affiliato i costi riguardo affitto, utenze e personale, e spesso delle iniziative e promozioni a livello locale.

 

Vantaggi e svantaggi del franchising

Aprire un autonoleggio in franchising garantisce importanti vantaggi ed agevolazioni quali:

  • trasferimento di un know-how solido
  • formazione ed aggiornamenti costanti, per tutto il team
  • assistenza, consulenza, supporto ed affiancamento a 360° e continuativo (sia in sede che da remoto)
  • supporto per analisi e pianificazioni iniziali (costi, fattibilità, location, ecc.)
  • supporto per scelta, progettazione ed allestimento del locale
  • fornitura di tutto il necessario, chiavi in mano (software, hardware, insegne, divise, materiale comunicativo, parco auto ove necessario, veicoli elettrici o alternativi, nonché modulistica varia per i differenti servizi offerti)
  • accesso a condizioni altamente concorrenziali riguardo i prezzi delle forniture e dei mezzi, i servizi offerti e le convenzioni con aziende terze (per servizi quali assicurazioni, leasing, finanziamenti, ecc)
  • riduzione del rischio d’impresa
  • sfruttamento di un marchio noto e della visibilità nazionale ed internazionale (grazie anche alla campagne di promozione centralizzate)
  • riduzione dei costi di avvio e gestione grazie al potere commerciale della rete
  • utilizzo di un format collaudato e testato, sicuramente redditizio

Aprire un autonoleggio in franchising presenta tuttavia anche alcuni vincoli e svantaggi da considerare, quali:

  • costi iniziali e periodici (fee d’ingresso, royalty sul fatturato, contributi per marketing o per l’utilizzo dei software, ecc)
  • vincoli contrattuali da rispettare
  • obbligo di mantenimento degli standard della casa madre
  • immagine, marchio e campagne di comunicazione standardizzate
  • minore flessibilità e potere decisionale riguardo layout, strategie comunicative, strategie di prezzo, promozioni, iniziative, ecc.

QUI trovi tutti i migliori Autonoleggi in Franchising a cui affiliarti.

QUI invece tutti i Franchising nel settore Auto, Moto e Veicoli Elettrici

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere