Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
mercoledì 06 febbraio 2019

Come entrare nel settore della lingerie con successo. 

Aprire un Negozio di Abbigliamento Intimo: Costi e Iter – Guida Completa

Vuoi aprire il tuo negozio di intimo e lingerie? Confronta le migliori proposte Franchising QUI

Leggi anche la guida completa: Come aprire un negozio di abbigliamento

Negli anni la concorrenza della grande distribuzione, del e-commerce e dei colossi del settore si è fatta sempre più agguerrita e spietata. Nonostante ciò, con le dovute accortezze in ambito di merce, tendenze, posizionamento del locale, comunicazione e marketing, nonché comunicazione espositiva e visiva, aprire un negozio di abbigliamento intimo può ancora rivelarsi un’attività redditizia.

come aprire negozio intimo costi iter

 

Cosa serve e come avere successo
 

Per aprire un negozio di abbigliamento intimo di successo sarà fondamentale avere molte accortezze, tra cui le fondamentali saranno:

  • conoscere la nicchia di settore
  • conoscere tutti gli ultimi trend a livello mondiale e locale in fatto di intimo e lingerie
  • conoscere il mercato, domanda locale ed il bacino di utenza
  • individuare il proprio target, o i diversi target, di riferimento e le relative necessità
  • conoscere la concorrenza ed i relativi punti di forza e debolezza
  • realizzare un format di negozio accattivante e competitivo
  • progettare ed allestire il negozio in modo funzionale ed attraente, anche a livello visivo, con illuminazione, arredi ed esposizione che valorizzino al massimo i capi esposti
  • scegliere la giusta gamma di prodotti (monomarca o multi marca, solo lingerie femminile o prodotti a tutto tondo che offrano intimo per un target femminile, maschile, bambini e ragazzi, e con prodotti di moda mare e moda notte, ecc), di tendenza, che intercetti la domanda locale e con una buona varietà di prezzi
  • scegliere accuratamente i fornitori che offrano spedizioni e rifornimenti puntuali, rapidi ed eventuali agevolazioni di pagamento della merce
  • garantire merce sempre con un rapporto qualità-prezzo ottimale e competitivo
  • curare al massimo la presenza online, sia con un sito web dedicato, funzionale ed intuitivo, compatibile su tutte le piattaforme quali computer, smartphone e tablet, che attraverso eventuale piattaforma di e-commerce ed attraverso i social
  • curare la comunicazione e la promozione a 360°, sia online che offline, per velocizzare l’acquisizione di clientela, ed instaurando un rapporto diretto con il cliente per aumentare il tasso di fidelizzazione
  • analizzare la zona e scegliere la location ottimale in materia di costi, visibilità, afflusso, accesso e passaggio

Per aprire un negozio di intimo e lingerie sarà necessario, in base all’ampiezza della gamma di prodotti proposta, nonché alla localizzazione scelta, un locale di metratura compresa tra 50 ed 80 mq circa.

Nella scelta sarà opportuno valutare la convenienza o meno ad aprire un negozio di dimensioni più contenute in una location di forte richiamo quale un centro commerciale, oppure un negozio di dimensioni più ampie in zona limitrofa a centri storici e vie commerciali.

Per aprire un negozio di abbigliamento intimo di successo sarà fondamentale prima di tutto analizzare la fattibilità del progetto, redigere un business plan contente costi, potenziali ricavi, tempi di rientro ed il dettaglio di tutto il necessario per allestire e gestire il negozio (dalla merce sino ai software).

 

Quanto costa
 

Aprire un negozio di abbigliamento intimo in autonomia richiede un investimento minimo che difficilmente sarà inferiore ai 30.000 - 40.000 euro.

Considerando infatti i costi per il locale (messa a norma, progettazione, allestimento, allacci, adeguamenti, affitto ed utenze), i costi di allestimento e fornitura (merce, arredi, espositori, cassa e banco vendita, software di gestione, insegna e materiale brandizzato), nonché i necessari costi per gli adempimenti burocratici, per il personale e per la promozione (sito web, campagne marketing, inaugurazione, promozioni di lancio, ecc), aprire un negozio di abbigliamento intimo potrebbe richiedere un budget anche superiore.

In base alla dimensione del negozio, al suo posizionamento, allo stato dell’immobile nonché all’ampiezza della gamma di prodotti ed alla tipologia di merce offerta (di marca, vintage, di lusso, economica, ecc), il budget necessario per aprire un negozio di intimo e lingerie potrebbe facilmente sfiorare i 50.000 – 60.000 euro.

 

Il franchising
 

Sul mercato, anche italiano, esistono diverse proposte per aprire un negozio di abbigliamento intimo in franchising. Questo è generalmente sintomo di un settore che ancora funziona ed è in grado di produrre profitti interessanti.

Generalmente aprire un negozio di abbigliamento intimo in franchising richiede un investimento più contenuto rispetto all’avvio autonomo. Questo perché all’affiliato vengono spesso offerte condizioni vantaggiose sia per i rifornimenti che per l’allestimento del locale quali ad esempio il conto vendita ed il ritiro delle rimanenze invendute, riguardo la merce, ed il comoda d’uso gratuito per quanto riguarda software o arredi.

Mediamente, aprire un negozio di intimo e lingerie in franchising richiede un investimento che va dai 30.000 ai 40.000 euro. A fronte dell’investimento iniziale, tuttavia, all’affiliato viene offerto un format chiavi in mano, comprensivo cioè di tutti i prodotti, servizi e supporto necessario all’avvio ed alla gestione dell’attività entro poche settimane.

Valori aggiunti dei franchising di intimo e lingerie sono poi la notorietà raggiunta da marchio, con relativa acquisizione di clientela e fidelizzazione più elevate, le promozioni a livello nazionale, il format collaudato e testato sul mercato, il trasferimento del know-how e delle esperienze pluriennali, nonché i servizi di formazione, assistenza ed affiancamento costante offerti per tutta la durata contrattuale.

 

Iter e requisiti
 

Oltre ad un’attenta analisi iniziale, ad una pianificazione accurata e ad una gestione oculata, per aprire un negozio di abbigliamento intimo non saranno richieste competenze o esperienze specifiche, tanto meno licenze o permessi particolari.

A livello personale, l’imprenditore dovrà solamente avere idoneità morale e legale, nonché possedere doti e competenze di gestione, organizzazione, contatto con il cliente, coordinamento del personale e gestione delle finanze.

A livello burocratico, sarà invece necessario:

  • aprire Partita Iva
  • comunicare al Comune l’Inizio dell’Attività
  • aprire le posizioni INPS ed INAIL
  • iscriversi al Registro delle Imprese (Camera di Commercio)
  • ottenere il permesso per affiggere l’insegna
  • pagare i diritti SIAE per diffondere musica
  • installazione di un POS per i pagamenti con carta

Molti dei sopra citati adempimenti sono inoltre espletabili mediante la Comunicazione Unica, da inviare in forma telematica (PEC) alla Camera di Commercio.

Prima di aprire un negozio di abbigliamento intimo si consiglia ad ogni modo di rivolgersi e di informarsi in merito a requisiti ed adempimenti presso SUAP, Camera di Commercio ed un Commercialista di fiducia.

Confronta QUI i migliori Franchising di Intimo e Lingerie

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere