Logo AIF

24 August 2020

Costi per Aprire una Cartoleria

Cancelleria ma non solo, ecco l'investimento necessario

6 minuti

Leggi anche: Conviene aprire una cartoleria?

Confronta tutte le proposte del settore Cartolerie in Franchising

aprire cartoleria costi

Con l’avanzamento tecnologico e la digitalizzazione degli strumenti di scrittura e lettura, inevitabilmente gli articoli di cancelleria sono meno richiesti di un tempo. Ad oggi non solo l’avanzamento degli strumenti digitali e web ma anche la grandissima concorrenza dei grandi distributori e centri commerciali minano la sicurezza di incasso che un tempo le cartolerie potevano vantare.

Aprire una cartoleria è tuttavia ancora un’attività che può rivelarsi redditizia e di successo con qualche piccolo accorgimento.

Innanzitutto l’offerta di prodotti: non solo cancelleria di uso comune ma anche specialistica per artisti, grafici, professionisti, uffici, scuole ed università. Un buon margine di guadagno vi è inoltre su tutti quei prodotti accessori venduti nelle cartolerie quali gadget, idee regalo, articoli per il fai da te e per le attività creative nonché cartucce, toner ed articoli per la stampa.

Altro "segreto" per avere successo è poi l'attenzione al mercato ed alla sua evoluzione, ai nuovi trend ed alle nuove esigenze del proprio potenziale target di clientela, sia di privati che di aziende. Ad oggi è particolarmente interessante aprire una cartoleria online, con un sito e-commerce funzionale ed intuitivo, nonché con un'APP dedicata accattivante e performante. Infatti, in seguito alla pandemia da Covid-19 che ha caratterizzata l'intero globo nel 2020, sono mutate fortemente le abitudi di acquisto dei consumatori, nonché le abitudi di lavoro e di vita. La consegna a domicilio e la digitalizzazione, integrata magari alla vendita tradizionale in-store, diventa così fondamentale per raggiungere il proprio potenziale di guadagno.

Considerando poi l'evolversi del mondo del lavoro e il repentino incremento dello smart-working come medologia di lavoro sia subordinata che indipendente (imprenditori e freelancer), è interessante vendere prodotti ed offrire servizi che facilitino questa modalità di lavoro da casa, nonché l'allestimento di postazioni di lavoro a norma che tutelino la salute, magari con un'occhio all'estetica (che come è oramai noto, incrementa effettivamente l'efficienza lavorativa).

Altra interessante opporunità è poi raggiungere, oltre al target di lavoratori, il target di studenti intercettando le nuove esigenze che questo presenta. Sempre più studenti si trovano infatti oramai a studiare da remoto in e-learning.

Anche offrire servizi aggiuntivi quali stampa, fotocopie, fax, volantini e biglietti da visita personalizzati, rilegature e copertura di libri e quaderni possono incrementare il business notevolmente, e con esso i fatturati annui.

Per incrementare il giro d’affari della propria cartoleria e fidelizzare i clienti è dunque necessario puntare su innovazione, specializzazione ed ampia varietà di prodotti e servizi aggiuntivi di effettivo valore per il proprio target.

Un aspetto fondamentale da preventivare per comprendere la reale redditività della propria idea imprenditoriale è quella di analizzare i costi generati quando si apre una cartoleria. Per aprire una cartoleria di successo saranno di fatti necessari alla base un'attenta pianificazione ed uno studio accurato di ogni elemento del business, primo fra tutti i costi necessari all'avvio ed alla gestione, e dunque al sostentamento, della cartoleria.

Quanto Costa

Aprire una cartoleria non sarà possibile con un investimento inferiore ai 15.000 – 20.000 euro. Questo budget, inoltre, sarà sufficiente solamente per un locale di dimensioni ridotte, in zone non troppo centrali, e con un assortimento di prodotti minimale.

Anche per aprire una cartoleria online sarà necessario preventivare un budget di spesa similare, considerando che con 20.000 euro sarà possibile coprire tutti i costi per la creazione del sito web e-commerce personalizzato, per un'APP dedicata, per i costi dei sistemi di comunicazione e fidelizzazione della clientela, per tutti i costi burocratici e legali, e per i costi legati al marketing, nonché ovviamente per tutti i costi legati alla fornitura ed allo stoccaggio di prodotti.

Vediamo ora insieme un’ipotesi di investimento plausibile per l'apertura di una cartoleria fisica, con un locale di dimensioni contenute, e con il dettaglio dei diversi e principali costi.

Considerando un locale di 30mq circa, sito in zone semi centrali o in prossimità di scuole ed uffici, dovremo affrontare i seguenti costi:

  • Ristrutturazione minimale + allestimento + arredi basilari = 10.000 €
  • Allacciamento alle reti elettriche ed idriche + internet + pos + fax e telefono + affitto e utenze iniziali + cassa + insegna + software di gestione e magazzino = 5.000 €
  • Prima fornitura di prodotti e cancelleria (impianto minimo con varietà ridotta) = 10.000 €
  • Adempimenti burocratici e consulenze commerciali / legali = 3.000 €
  • Promozione, inaugurazione e campagne marketing online ed offline = 2.000 €

L’investimento iniziale così preventivato risulta di circa € 30.000


I costi sopra elencati non tengono tuttavia conto dell’eventuale assunzione di personale (costo aggiuntivo di circa 1.000 / 2.000 euro a persona per il primo mese, in base al tipo di contratto ed alle ore lavorate), dei costi accessori per l’avvio e per l'allestimento più accattivante dell'attività, e di tutti i costi inerenti la creazione di un sito web e-commerce o di un'APP per la vendita online e la consegna a domicilio, nonché per eventuali e più ingenti interventi strutturali per la messa a norma del locale.
 

Per approfondire: Come aprire una cartoleria - guida completa

Il Franchising

Diverso è invece il discorso nel caso si decida di aprire una cartoleria in franchising. In questo caso, grazie al potere commerciale della rete ed alla posizione raggiunta dal franchisor sul mercato, aprire una cartoleria in franchising sarà possibile con un investimento a partire dai 5.000 € in su e con accordi e prezzi di fornitura particolarmente vantaggiosi che permetteranno di ridurre anche i costi di gestione e tutti gli oneri accessori.

Le cartolerie in franchising di noti brand, magari diffusi a livello internazionale, richiedono spesso investimenti più cospicui per l'apertura, nonché condizioni minime e standard più elevati per garantire il successo di ogni nuova cartoleria aperta. Tuttavia altrettanto spesso gli stessi franchisor permettono ai nuovi affiliati di finanziare l'investimento (in parte o totalmente), attraverso istituti di credito privati convenzionati, mediante il supporto per l'accesso ai bandi pubblici, o ancora mediante agevolazioni concesse direttamente dalla casa madre.

Aprire una cartoleria in franchising è inoltre vantaggioso non solo per i costi più contenuti ma anche per la notorietà che il brand ha già raggiunto sul mercato e per tutti i servizi di assistenza, affiancamento, consulenza burocratica e finanziaria, per l’allestimento, la progettazione e per la formazione offerti dal franchisor in un format che vi permetterà di aprire una cartoleria “chiavi in mano”, anche senza competenze o esperienze pregresse nel settore e nel mondo dell'imprenditoria.
 

Visiona tutte le migliori Cartolerie in Franchising

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca