Logo AIF

Scegliere dove aprire un negozio e Scegliere che negozio aprire in un determinato luogo

Una delle variabili fondamentali per il successo di un'attività

3 minuti

In questo articolo illustreremo 2 iter da seguire quando si intende aprire un'attività commerciale.

dove-aprire-un-negozio.jpg

Nel primo vedremo, data una determinata tipologia di negozio, come individuare la migliore posizione in cui avviarlo.
Nel secondo vedremo come capire quale potrebbe essere il negozio più idoneo da aprire in un determinato fondo commerciale nel caso lo avessimo di proprietà o lo riteniamo un punto strategico e a buon prezzo.

Leggi anche Guida completa per aprire un negozio

Iter 1 - Scegliere dove aprire un negozio

Solitamente un'idea di massima (città/provincia) su dove intendiamo aprire un negozio ce la abbiamo già. Su questa macrozona dobbiamo dunque concentrare le nostre indagini:

  1. Analisi della concorrenza
    Dobbiamo indagare e capire come se la passano le attività nostre potenziali concorrenti. Se lavorano molto potrebbe esserci spazio anche per un negozio concorrente (il nostro). Se lavorano poco dobbiamo cercare di capirne il motivo (se è imputabile al gestore o alla categoria merceologica).
    Se non c'è concorrenza dobbiamo verificare che non ci fossero già stati negozi della stessa tipologia in passato che poi hanno abbassato la serranda (campanello d'allarme da tenere molto in considerazione) e capire perché non hanno avuto successo.

  2. Identificazione ed analisi dell'utenza target
    Il punto sopra ci potrebbe permettere di capire già se l'utenza è in target o meno. Però se non ci sono concorrenti e non c'è mai stata un'attività simile dobbiamo capire qual è l'utenza potenzialmente interessata al nostro negozio e quale deve essere il bacino di utenza potenziale.
  1. Analisi della popolazione del territorio individuato per l'apertura
    Una volta individuato il target e il bacino di abitanti minimo possiamo passare ad analizzare demograficamente la zona di nostro interesse: n. abitanti, età media, interessi, andamenti stagionali, livello sociale, reddito medio ecc.
  2. Analisi della location
    Arrivati a circoscrivere l'area specifica dobbiamo procedere ad individuare il locale più idoneo che deve avere: metratura e caratteristiche idonee ad ospitare la nostra attività. Se è meglio una zona a passaggio pedonale piuttosto che una zona a passaggio veicolare, quindi se è opportuno avere un parcheggio dedicato, oppure verificare che la zona sia ben servita da parcheggi pubblici gratuiti.
  3. Analisi dei costi
    Ultima ma altrettanto fondamentale è capire se il canone d'affitto che ci viene richiesto è troppo alto per la marginalità che abbiamo sui prodotti e per le vendite potenziali che ci aspettiamo di fare. Il dato di costo andrà inserito nel business plan che sicuramente avremmo redatto in fase di studio della fattibilità.

 

Iter 2 - Scegliere quale negozio potrà avere successo in un determinato luogo

La premessa da tenere sempre presente è che non è detto che esista un negozio che può aver successo in quel determinato luogo, anzi è possibile che il luogo scelto o che si possiede non sia idoneo ad ospitare alcuna attività commerciale.

  1. Analisi delle attività commerciali presenti
    Tenendo bene a mente quanto sopra si può partire con l'analisi delle attività commerciali già presenti . Negozi di successo già presenti potrebbero darci spunti interessanti da sfruttare.

  2. Analisi della popolazione e del bacino di utenza potenziale
    Se non ci sono altre attività commerciali presenti o non ci sono di aiuto, si può procedere ad analizzare la popolazione e il bacino di potenziali clienti: n. abitanti, età media, interessi, andamenti stagionali, livello sociale, reddito medio ecc.

Da questo secondo punto dobbiamo cercare di capire quale tipo di negozio potrebbe essere il più promettente.

Molti franchising all'atto dell'affiliazione offrono l'analisi per la scelta della migliore location, un grande vantaggio spesso sottovalutato.



Luca Cortesi
Aprireinfranchising.it

Cerca