Logo AIF

Aprire un Ecocompattatore in Franchising

Entra nel circuito virtuoso del riciclo..

3 minuti


Vuoi aprire un’attività nel settore del Riciclo e dei Rifiuti?

QUI trovi le migliori proposte di affiliazione in franchising.

Una buona occasione per mettersi in proprio è ad oggi quella di investire nel settore del riciclo e dei rifiuti. Questo risulta infatti un problema sempre più urgente, e sono sempre di più i consumatori attenti alle tematiche ambientali, desiderosi di essere parte attiva nella salvaguardia dell’ambiente e nella riduzione dei consumi.

Un’attività particolarmente vantaggiosa è quella degli eco compattatori. Gli eco compattatori, anche grazie alle reti franchising che ne hanno favorito la diffusione, sono strumenti di raccolta dei rifiuti (generalmente in plastica, alluminio e metallo) sempre più utilizzati.

Le attività di eco compattatori, soprattutto in franchising, presentano un grande potenziale di reddito, sono in linea con le reali esigenze ed i trend di mercato, e presentano un basso rischio imprenditoriale.

aprire un ecocompattatore in franchising

 

Come Funziona

Gli ecocompattatori sono macchinari per la raccolta differenziata in cui gli utenti inseriscono i propri rifiuti, i quali vengono compressi per ridurne il volume e permettere la raccolta di una quantità maggiore di materiale.

Gli ecocompattatori sono macchinari automatici che forniscono un servizio di utilità ambientale e pubblica.

Solitamente gli ecocompattatori sono siti in luoghi ad elevato afflusso di pedoni come ad esempio presso centri commerciali, supermercati, parcheggi, scuole, piazze e parchi. A favorirne l’inserimento e l’installazione sono spesso le realtà commerciali ed istituzionali locali.

A seconda del grado di innovazione e dalla tipologia di software presente al loro interno, gli ecocompattatori permettono il monitoraggio a distanza.

Quasi la totalità degli ecocompattatori garantiscono agli utilizzatori dei punti premio in cambio dei rifiuti, variabili in base alla quantità degli stessi, e convertibili in buoni spesa e sconti presso le attività convenzionate (bar, supermercati, ristoranti, ecc).

Gli ecocompattatori risultano così essere degli strumenti che promuovono il circolo virtuoso del riciclo ma anche uno strumento di direct marketing per le attività commerciali.

 

Cosa Serve

Per aprire un ecocompattatore in franchising non sono necessarie esperienze pregresse, né particolari abilitazioni, titoli di studio o licenze. Tutta la formazione teorico-pratica necessaria sarà fornita dalla casa madre.

Essendo completamente automatizzata, inoltre, l’attività permette la gestione senza personale, il monitoraggio da remoto, e richiede solamente piccoli interventi permettendone lo svolgimento come secondo lavoro.

Specifici requisiti vengono invece posti per quanto riguarda la location, il bacino di utenza minimo, la visibilità e l’afflusso. La casa madre affianca ad ogni modo l’affiliato nella valutazione e scelta di una location strategica, nonché per quanto riguarda adempimenti burocratici e permessi per l’installazione degli eco compattatori.

Per quanto riguarda i costi, aprire un’attività di eco compattatori in franchising può richiedere un investimento variabile a seconda del numero di macchinari gestiti, nonché dai servizi offerti e dalla notorietà del marchio. Generalmente l’investimento minimo, con un format chiavi in mano, parte da 10.000 / 20.000 euro circa.

 

I Vantaggi e Svantaggi del Franchising

Alcuni dei vantaggi più competitivi offerti dai franchising di eco compattatori sono:

  • trasferimento know-how, esperienze, modalità gestionali / organizzative
  • formazione, corsi di aggiornamento, affiancamento costate
  • assistenza e consulenza a 360°
  • supporto per adempimenti burocratici
  • supporto per marketing e comunicazione
  • sfruttamento della visibilità e notorietà del marchio
  • riduzione del rischio imprenditoriale
  • condizioni economiche vantaggiose grazie al potere commerciale della rete
  • fornitura degli eco compattatori con le migliori tecnologie e software
  • assistenza centralizzata per guasti e manutenzioni
  • impegno lavorativo part-time
  • nessun personale necessario
  • nessun ufficio fisico necessario
  • pochi metri quadri per l’installazione degli eco compattatori
  • attività di sicuro successo, collaudata e dall’elevata redditività

Alcuni possibili svantaggi dell’aprire un eco compattatore in franchising possono essere:

  • pagamento di fee, royalty o altri contributi periodici per l’appartenenza alla rete e per i servizi offerti dalla casa madre
  • riduzione della libertà gestionale / organizzativa
  • obbligo a rispettare standard e parametri imposti dalla casa madre
  • layout standardizzato di tutti gli ecocompattatori

Visita QUI la categoria con tutti i migliori Franchising di Rifiuti e Riciclo.

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca