Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
lunedì 03 agosto 2015

Lavorare con piante e fiori 

Come aprire un negozio di fiori

Aprire un negozio di fiori oggi può sembrare un’idea azzardata: la concorrenza e la scarsa disponibilità di denaro certo scoraggiano molti, specie considerando che si tratta di una attività soggetta per sua natura ad un andamento altalenante.
In verità lo spazio nel mercato si può ancora trovare: con la giusta promozione e l’attenzione ai servizi offerti, si può avviare quella che è una attività perfetta per la conduzione familiare e che non ha enormi costi di avvio.

Guarda i migliori marchi in franchising del settore piante e fiori.

Cosa serve per aprire un negozio di fiori

La localizzazione dell’attività è essenziale e deve tener conto della presenza di concorrenti nelle immediate vicinanze e del bacino di utenza raggiungibile. Via libera ai grandi centri abitati, alle strade di passaggio, alla vicinanza di punti di interesse, come chiese o uffici.

Il locale dovrà avere dimensioni adeguate, si parla di almeno 45-50 mq ed essere attrezzato compiutamente con scaffalature, ganci e set espositivi. L’ideale sarebbe poter utilizzare dei banconi espositivi composti da uno o più ripiani e da una serie di portabasket. In questo modo si potranno allocare un gran numero di piante entro uno spazio limitato ed approfittare della struttura per favorire gli acquisti combinati e coordinati (vendere cioè allo stesso cliente, ad esempio, oltre alla pianta, il vaso e il portavaso o più piante tra loro ben assortite, come dimostra l’esposizione).

Molto importante, per garantire la qualità del servizio, è che il locale sia dotato di un buon impianto di raffreddamento e di aree climaticamente separate, così da garantire ad ogni esemplare le ideali condizioni. Per chi ha poco spazio, una soluzione viene dagli espositori refrigerati, pensati in particolare per i fiori recisi. Con un ingombro di poco superiore ad un tradizionale espositore, si ottiene il mantenimento della temperatura ideale, un costante e automatico ricambio dell’acqua, con un notevole incremento della durata dei fiori e la netta riduzione delle incombenze del fioraio.

Per conquistare una fetta di mercato bisogna distinguersi dagli altri. Maggiore è la varietà dell’offerta, più alta sarà la probabilità non solo di conquistare il cliente, ma di far sì che esso si rivolga a noi e ci consigli ad amici e parenti per le più diverse occasioni. L’ideale è poter gestire anche qualche offerta speciale, magari prevedendo una consegna a domicilio o pacchetti per le varie ricorrenze che comprendano, oltre ai fiori, torte e omaggi da consegnare direttamente al destinatario. Da questo punto di vista internet è la marcia in più: associare un e-shop al negozio fisico potrebbe fare la differenza.

Internet viene poi in aiuto anche per i rifornimenti. Dimenticate i mercati, le alzatacce all’alba e le trasferte: le forniture per fiorai e vivai oggi viaggiano sul web. Sono centinaia i siti professionali dedicati, che offrono un servizio completo, consegnando piante, fiori, attrezzature in tempi record. Grazie alla rete è possibile acquistare direttamente anche dall’estero, rispondendo alle richieste dei clienti più esigenti.

Il consiglio, data la particolarità della merce, è comunque quello di frequentare le fiere di settore, per conoscere dal vivo i produttori, non mancando poi di tener traccia delle loro effettive prestazioni.

 

Requisiti e iter per aprire un negozio di fiori

Per aprire un negozio di fiori non servono particolari requisiti e, da qualche tempo, non è più necessaria nemmeno la licenza. Basta avere la maggiore età e seguire l’iter che fra poco vedremo.
Se è vero che frequentare una scuola per compositori floreali non è necessario, è consigliabile avere comunque una buona conoscenza di piante e fiori. Un corso professionale e l’esperienza, permetteranno di affrontare al meglio le richieste dei clienti
Dal punto di vista burocratico, prima di iniziare si dovrà:

  • aprire P.Iva
  • iscriversi presso il Registro delle Imprese competente
  • presentare al Comune la dichiarazione di inizio attività
  • regolare la propria posizione presso INPS e INAIL


Quanto costa aprire un negozio di fiori

Per aprire un negozio di fiori non è necessario mettere in preventivo investimenti esorbitanti, specie se si parte da una attività di base, con un piccolo negozio (sono sufficienti 40 mq). L’esborso richiesto, considerando locali, adempimenti e utenze, si può contenere entro i 20.000 – 30.000 €.

Leggi l'approfondimento sui costi per aprire un negozio di fiori


Il Franchising

Per chi è alle prime armi o chi desidera l’appoggio di un team di esperti, molte ditte più o meno note offrono comode formule di franchising.
Per entrare a far parte della catena è richiesto un investimento minimo, variamente configurato, che va dai 10.000 ai 30.000 €.
Vari i servizi offerti: dalla piattaforma online per gestire anche gli ordini telematici, a veri e propri concept innovativi, che trasformano l’arte del vendere fiori rendendola più appetibile anche per il cliente moderno.
In ogni caso non vengono meno i vantaggi tipici della formula del franchising, ovvero:

  • assistenza in fase di progettazione e adempimenti burocratici
  • formazione
  • assistenza post-apertura
  • esclusiva di zona
  • rapporti privilegiati con i fornitori
  • software dedicato
  • marketing e pubblicità su scala nazionale

Clicca qui per visionare i migliori marchi in franchising del settore piante e fiori.

Flora Folies

Flora Folies

Investimento a partire da € 15000
La formula Flora Folies consiste nella vendita di fiori recisi, piante verdi e fiorite con formula self-service a prezzi molto inferiori alla media del mercato, con la possibilità per il cliente di farsi comporre il bouquet a suo piacimento.
Vai alla pagina del marchio

Frida's

Frida's

Investimento a partire da € 13000
Un modello retail mai visto prima nel settore dei fiori ma soprattutto un nuovo concetto di vendita dei mazzi di fiori.
Vai alla pagina del marchio

OnlyMoso

OnlyMoso

Investimento a partire da € 20000
Onlymoso Consorzio Bambù Italia propone di investire e di entrare come socio in quota di partecipazione e di investire in una coltivazione di bambù gigante da reddito.
Vai alla pagina del marchio

MyOverRose

MyOverRose

Investimento a partire da € 20000
MyOverRose propone un format unico nel suo genere: la vendita di rose stabilizzate in eleganti box di differenti dimensioni e fasce di prezzo, oltre alla fornitura per eventi e matrimoni.
Vai alla pagina del marchio

Luca Cortesi
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere