Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
venerdì 20 settembre 2019

Tutto ciò che ti serve per diventare un professionista di piante, fiori ed aree verdi 

Cosa Occorre per Diventare Giardiniere?

Nel mondo lavorativo ed imprenditoriale odierno la tendenza attuale presenta una costante e sempre maggiore riscoperta dei mestieri di una volta, quelli artigianali e tradizionali. Uno dei mestieri artigianali e manuali, che risulta inoltre un’ottima occasione imprenditoriale per mettersi in proprio, è quello del giardiniere.

QUI trovi tutti i migliori Franchising nel settore Piante e Fiori

Leggi anche: Come aprire un negozio di piante e fiori

cosa serve per diventare giardiniere

Nonostante la vita frenetica odierna, gli stili di vita irregolari ed una crescente digitalizzazione degli ambienti nonché nelle abitudini e mansioni quotidiane e lavorative, il giardinaggio risulta ancora oggi, e forse a maggior ragione, un’attività sempre più apprezzata ed amata.

Giovani, adulti, anziani e bambini, quasi tutti concordano sul fatto che il giardinaggio sia un’attività capace di calmare e rilassare, distendere le tensioni e sfogare le frustrazioni giornaliere. I motivi dietro ai benefici del giardinaggio sono principalmente legati al fatto che la cura del giardino, di piante e fiori, è un’attività che richiede ritmi lenti e calmi, e permette di stare a stretto contatto con la natura svolgendo un compito che non solo fa bene all’umore ma anche all’ambiente e ad elementi viventi del nostro pianeta, qual è la flora.

Ma i benefici del giardinaggio non si fermano qui, di fatti questa risulta essere un’attività che ben si presta ad un business imprenditoriale autonomo. Se pur gli appassionati di giardinaggio siano innumerevoli non lo sono altrettanto le persone, con un giardino a disposizione, che hanno realmente il tempo di dedicargli le cure meritate o desiderate. Per questa ragione, sempre più spesso anche in città, per cortili interni, giardini privati, giardini pubblici o comunali, nonché per spazi aziendali, sia tradizionali che particolari in fatto di architettura e design, i servizi di giardinaggio sono sempre più richiesti.

Per tutti gli appassionati di giardinaggio dunque, avviare un’attività da giardiniere autonomo oppure una vera e propria società di servizi di giardinaggio e manutenzione di aree verdi pubbliche o private, risulta un business dall’elevato potenziale.

In questa guida completa vedremo insieme cosa serve, l’iter, i requisiti ed i costi necessari per diventare giardiniere professionista, nonché per aprire una società di servizi di manutenzione e cura di parchi, aree verdi e giardini.

 

Di cosa si occupa un giardiniere e cosa serve per diventarlo

A meno di non voler svolgere l’attività in maniera dilettantistica, limitandosi ad abbellire e curare piccoli spazi e giardini per sé stessi e per i propri conoscenti, diventare un giardiniere professionista richiede molto più che semplice passione per i fiori e le piante, amore per la natura, capacità creative e artigianali, nonché predisposizione ad un lavoro manuale.

Per diventare un giardiniere professionista, a magari occuparsi anche di grandi opere ed aree verdi come parchi pubblici, giardini di design ed artistici, opere per privati su commissione, e così via, sarà necessario seguire un’attenta e completa formazione che permetta di acquisire tutte le competenze e le conoscenze necessarie ad offrire la vasta gamma di servizi di cui un giardiniere professionista solitamente si occupa.

Generalmente un giardiniere professionista, e le attività di servizi di giardinaggio, si occupano non solamente dell’abbellimento degli spazi, della manutenzione di fiori e piante e della loro cura, nonché di piantare le diverse varietà di flora, ma anche di servizi quali la manutenzione di ogni angolo verde del giardino, la cura e scelta dei terreni e dei fertilizzanti più idonei, la realizzazione di aree verdi e giardini su commissione e su misura, la realizzazione di progetti paesaggistici e botanici, la cura di patologie e dei parassiti che affliggono le diverse varietà di flora, nonché l’allestimento e la cura dei sistemi idraulici e di irrigazione.

Per diventare un giardiniere professionista, o per aprire un’attività di giardinaggio vera e propria con commissioni importanti e personale aggiuntivo, è fondamentale dunque che tutti gli addetti giardinieri posseggano nozioni pratiche e teoriche avanzate in materia di idraulica, fitopatologia, biologia, agricoltura e natura in generale, in quanto queste saranno fondamentali per offrire un servizio professionale e competente.

Per diventare un giardiniere, dunque, oltre ad una sempre utile esperienza pratica sul campo, sarà importante seguire dei percorsi formativi mirati e professionali. Lauree in materia come agraria o botanica possono essere utili, tuttavia anche se presenti queste andranno comunque integrate, a seconda dei servizi che si vogliono offrire, da corsi di formazione mirati e specializzati.

 

Costi e guadagni per diventare un giardiniere

I principali costi da affrontare per diventare giardiniere riguarderanno:

  • corsi di formazione e professionali
  • adempimenti burocratici, consulenze ed iscrizioni
  • campagne di lancio promozionale, comunicazione e marketing sia online che offline
  • eventuale realizzazione di un sito web con possibilità di prenotare online, visionare lavori precedenti, ecc.
  • acquisto di materie prime (piante, fiori, terricci, fertilizzanti, antiparassitari, ecc)
  • acquisto di macchinari, attrezzature e strumenti di lavoro (per piantare, potare, curare e fare manutenzioni sia alle aree verdi che ai sistemi di illuminazione / idrici del giardino)
  • allestimento di un veicolo per trasportare tutto il necessario presso il luogo del lavoro commissionato
  • eventuale allestimento di un piccolo ufficio per ricezione cliente, attività di marketing, segreteria, prenotazione ed appuntamenti, tenuta contabile, ecc, ed eventualmente anche vendita di prodotti da giardinaggio, piante e fiori
  • allestimento di un magazzino in cui tenere le scorte di merce, le attrezzature, ecc.
  • acquisto di software ed hardware
  • eventuale assunzione di personale dipendente aggiuntivo

L’investimento iniziale complessivo per diventare giardiniere, e per far fronte a tutti i principali costi sopra citati, sarà di circa 20.000 / 25.000 euro minimi.

Un giardiniere guadagna mediamente 1.300 / 1.500 euro netti al mese come lavoratore dipendente per terzi, a seconda delle mansioni, delle specializzazione del carico di lavoro. Mentre, un giardiniere autonomo guadagna al mese circa 2.000 / 3.000 euro netti.

 

Adempimenti ed iter burocratico per diventare giardiniere

Se si desidera diventare un giardiniere autonomo, svolgendo l’attività in proprio come artigiano, o su commissione, non sarà necessario espletare particolari adempimenti burocratici se non le necessarie iscrizioni nell’albo degli artigiani, la comunicazione al comune della propria attività, l’apertura di un codice fiscale identificativo del business nonché la stipula delle eventuali assicurazioni necessarie.

Diverso è invece il discorso nel caso in cui si voglia diventare un giardiniere professionista, gestendo una maggiore quantità di commissioni e progetti importanti, o nel caso si voglia avviare un business di servizi di giardinaggio con personale dipendente.

In questo ultimo caso, l’iter burocratico e gli adempimenti da espletare saranno:

  • idoneità legale dell’imprenditore all’avvio di un business (maggiore età, assenza di condanne o fallimenti, ecc)
  • apertura di una Partita Iva
  • iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio
  • apertura delle posizioni INPS ed INAIL
  • se si prevede l’apertura di un ufficio / sede fisica in cui accogliere i clienti o effettuare vendita di prodotti da giardinaggio, piante e fiori, sarà necessario mettere a norma il locale e gli impianti, richiedere il permesso per affiggere l’insegna e così via
  • stipula delle necessarie assicurazioni sia per tutelare sé stessi ed i dipendenti che per eventuali danni a terzi

Per informarsi riguardo a tutti i requisiti ed all’iter burocratico da seguire per diventare giardiniere è consigliabile informarsi presso la Camera di Commercio e lo SUAP locale.

 

Franchising di giardinaggio

In Italia per gli appassionati di piante, fiori e giardinaggio, che tuttavia posseggono poche esperienze nel settore o capitali ridotti da investire, esistono diverse soluzioni per entrare nel settore attraverso l’affiliazione ad un franchising.

Tra i franchising di giardinaggio, piante e fiori, si trovano attualmente proposte che permettono sia di aprire un negozio di piante, fiori ed articoli di giardinaggio in franchising, sia format che permettono di diventare dei veri esperi giardinieri, manutentori e progettisti di aree verdi e designer / compositori di opere botaniche e composizioni floreali.

Tutti i franchising del settore, sia per diventare un giardiniere che per aprire un’attività di tipo commerciale, prevedono format chiavi in mano, investimenti sostenibili ed il trasferimento di un know-how esperto e consolidato.

QUI trovi tutti i migliori Franchising nel settore Piante e Fiori

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere