Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
venerdì 23 novembre 2018

La tipica panetteria francese sta conquistando l'Italia 

Aprire una Boulangerie – Guida Completa

Visita la sezione Franchising PanetterieFranchising Bakery e Franchising Ristorazione per le migliori opportunità di affiliazione nel settore.

Leggi anche la guida: Come aprire una panetteria QUI

La boulangerie, letteralmente “panetteria”, è oramai un universale simbolo francese che in questi anni sta prendendo sempre più piede anche al di fuori della Francia e perfino in Italia.

I motivi dietro al successo sono molti, a partire dal consumo di pane, sempre elevato in Francia ed in Italia ma in aumento anche in altri paesi esteri, passando per la tipicità del locale in grado di offrire una vastissima varietà di prodotti di panetteria e pasticceria.

Ma cosa sono esattamente le boulangerie? E come si fa ad aprirne una in Italia? Vediamo insieme cosa serve, i costi e l’iter burocratico, nonché le prospettive di guadagno ed i motivi dietro al successo delle boulangerie già esistenti nel mondo.

aprire boulangerie come

 

Cosa sono le Boulangerie e qualli hanno maggior Successo nel Mondo

Le boulangerie esistono in Francia fin da quando esiste il pane e la iconica baguette francese. Tuttavia solo nel 1998 la boulangerie ed il mestiere di boulanger vengono ufficialmente definiti da una normativa che ne regola l’assoluta artigianalità, escludendo quindi in ogni tappa della preparazione e fabbricazione del pane qualunque processo industriale.

Panetterie, pasticcerie, forni, piccoli ristoranti fast-casual, ogni termine potrebbe adattarsi a definire una boulangerie.

La boulangerie è di fatti un locale, originariamente secondo il modello francese, di piccole dimensioni in cui si può trovare ogni tipologia e genere di prodotto da panetteria, dalle classiche baguette ai panini particolari, passando per il pain au chocolat, per i tipici dolcetti francesi o per le deliziose torte e quiche salate ripiene.

La realtà è che le boulangerie, nate inizialmente come sole panetterie, sono divenute ben presto piccoli locali frequentati ad ogni ora del giorno, avvicinandosi ben presto al modello di ristorazione che dagli anni ’90 è conosciuto come “fast-casual”, ovvero una ristorazione veloce ed informale capace tuttavia di unire prodotti artigianali, gustosi e di elevata qualità.

Dalle tipiche boulangerie parigine, anche ora onnipresenti ad ogni angolo di strada, il format si è evoluto sino a dare vita ad alcune delle aziende ristorative fast-casual di maggior successo a livello internazionale quali ad esempio i franchising Le Pain Quotidien, Paul e Pret a Manger.

 

Cosa Serve per aprire una Boulangerie di Successo

Per aprire una boulangerie di successo serviranno un’attenta gestione e pianificazione, prodotti di qualità ed in linea con le richieste di mercato (quindi anche vegani, per celiaci, a km0 e biologici) ed investimenti funzionali in marketing (offline ma anche, e soprattutto, online tramite i diversi canali social).

Inoltre, per aprire una boulangerie di successo, bisognerà provvedere alla formazione del personale nonché alla propria. Per diventare un boulanger sarà indispensabile non solo frequentare corsi base di cucina, panificazione, pasticceria e panetteria ma anche corsi specifici per riuscire a realizzare ed a padroneggiare le tipiche ricette francesi di pane, dolci e torte salate.

Anche il locale, l'allestimento con un'immagine accattivante ed il suo posizionamento avranno un ruolo fondamentale. Locali siti in zone centrali e di elevato passaggi pedonale, di interesse turistico e culturale, vicino a scuole e luoghi di lavoro, nei pressi di musei, biblioteche o nei centri commerciali, o ancora in zone più periferiche ma con elevata concentrazione di un target di clientela con capacità di spesa media, possono essere tutte buone soluzioni. Per fare la scelta migliore su dove aprire la boulangerie bisognerà studiare il mercato, il target, la concorrenza e la domanda locale.

 

Iter e Requisiti per Aprire una Boulangerie

Per aprire una boulangerie sarà necessario adempiere ad un iter del tutto similare all’apertura di una panetteria. Diversi tuttavia saranno i requisiti, sia personali che inerenti il locale, nonché gli adempimenti richiesti per una boulangerie solo da asporto o per una boulangerie con locale per le consumazioni (con format quali pasticceria, caffetteria o ristorante fast-casual).

Generalmente, gli adempimenti sempre necessari saranno:

  • apertura Partita Iva
  • iscrizione al Registro delle Imprese
  • comunicazione di Inizio Attività al Comune
  • permesso per esporre l’insegna
  • nulla osta sanitario Asl per cucina e locali
  • apertura posizioni INPS ed INAIL
  • ottenimento attestati SAB ed HACCP (quest’ultimo per tutto il personale addetto, anche alla sola vendita)

Si consiglia inoltre di informarsi presso gli sportelli e le associazioni di categoria in merito ad altri eventuali adempimenti necessari, anche in base alla tipologia di attività e servizio offerti. Utile sarà quindi rivolgersi ad esempio alla Camera di Commercio, allo SUAP ed all’Associazione Italiana Panificatori (ASSIPAN).

 

Quanto Costa aprire una Boulangerie ed i Ricavi potenziali

Veniamo subito al dunque. Per aprire una boulangerie con il modello di panetteria d’asporto (quindi con un locale di dimensioni davvero ridotte composto da laboratorio di produzione e piccola area vendita con vetrine, espositori a muro e banconi) sarà necessario comunque un investimento minimo di circa 100.000 euro. Se invece il vostro sogno è quello di aprire una boulangerie con sala consumazioni (quindi con un locale di dimensioni ampie e capace di ospitare, oltre al laboratorio ed all’area di vendita, un ambiente curato e raffinato adatto per colazioni, pranzi, brunch ed aperitivi) l’investimento minimo richiesto difficilmente sarà inferiore ai 200.000 euro.

Questo investimento permette di aprire una boulangerie partendo zero e facendo fronte a tutti i costi per l’adeguamento del locale, l’arredamento e gli espositori, i software ed hardware di gestione, l’insegna, i macchinari per la cucina, la panificazione e la conservazione delle materie prime, nonché per gli adempimenti burocratici, i corsi formativi per il personale, il marketing ed i primi costi di affitto, utenze e stipendio del personale.

I ricavi però non sono deludenti. Un panettiere guadagna mediamente 3.000 euro al mese, mentre una boulangerie ben avviata può arrivare ad un fatturato annuo di oltre 800.000 / 900.000 euro, nel caso essa presenti anche una sala per le consumazioni in loco.

Visita la sezione Franchising Panetterie, Franchising Bakery e Franchising Ristorazione per le migliori opportunità di affiliazione nel settore.

Aprire una bakery o una panetteria in franchising richiede un investimento a partire da 90.000 euro per un format completo e meno di 10.000 euro per un corner!

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere