Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
mercoledì 18 settembre 2019

Un potenziale business su cui vale la pena meditare.. 

Come Aprire un Centro Yoga


Il fitness ed il benessere sono ad oggi due dei più redditizi settori in cui investire in Italia, e non solo. Un business, in costante espansione negli ultimi anni, capace di unirli entrambi è lo yoga. Aprire un centro yoga ad oggi risulta infatti una scommessa imprenditoriale vincente e di successo, nonché dalle elevate potenzialità di guadagno.

In questa guida completa vedremo come aprire un centro yoga partendo da zero, cosa serve per avere successo, l’iter ed i requisiti burocratici necessari, i costi da affrontare e l’investimento iniziale, nonché le potenzialità di guadagno. Analizzeremo inoltre insieme lo stato attuale del settore dello yoga in Italia.

Leggi anche: Come aprire una palestra

QUI trovi tutti i migliori Franchising nel settore Fitness e Palestre

come aprire un centro yoga

Il mercato dello yoga e perché conviene investirci

Lo yoga, disciplina prima praticata prevalentemente da una “elite” composta da donne, star ed attrici, e poco diffusa, ha vissuto negli ultimi anni un vero e proprio “boom”. Non solo ad oggi lo yoga è conosciuto, apprezzato e praticato in tutto il mondo ma anche il target di riferimento si è notevolmente ampliato, e con esso il numero di centri aperti.

Anche in Italia, se pur solo più recentemente, lo yoga sta vivendo un’espansione importante rendendo l’apertura di un centro yoga un’attività dal grande potenziale imprenditoriale.

Secondo i dati raccolti dal “Financial Times” lo yoga è ad oggi la disciplina più praticata in ogni città del mondo, in particolar modo a partire dal 2008.

Un po’ per moda, un po’ per la percezione che provoca nell’immaginario comune, un po’ per la sua reale efficacia nell’incremento di un benessere psico-fisico, sia esteriore che interiore, nel ridurre ansia e stress, nel promuovere concentrazione ed equilibrio, lo yoga è una delle discipline che hanno risentito meno della crisi finanziaria degli ultimi anni e che, anzi, è risultata essere strettamente legata ad essa in modo positivo, avendo visto di fatti aumentare l’utenza praticante nonché il giro d’affari.

Il mercato dello yoga nel mondo vale ad oggi oltre dieci miliardi di dollari. A contribuire a questo trend non più solo un target femminile ma bensì anche uomini d’affari, anziani e bambini. Ad oggi a praticare lo yoga sono ancora principalmente le donne, seguite dalle neo mamme e dalle donne incinta, ma anche dagli uomini d’affari, dai marines, dagli over 40 e dai bambini. A praticare lo yoga è dunque oggi un eterogeneo target, di tutte le età e di ambo i sessi, alla ricerca dei benefici più disparati che vanno dalla forma fisica sino alla riduzione dello stress, dagli effetti benefici a livello posturale sino a quelli a livello psicologico, e così via.

Ad oggi i praticanti dello yoga sono oltre 100 milioni nel mondo, di cui un milione in Italia. I dati ed i trend in crescita sono confermati anche dalla Federazione Italiana Yoga che pone l’attenzione su come il giro d’affari sia in crescita non solo per le scuole e centri yoga ma anche per quanto riguarda la vendita di prodotti e servizi correlati, dagli accessori ed abbigliamento sportivo sino alle vacanze a tema ed agli eventi e fiere dedicate allo yoga.

In Italia il giro d’affari dello yoga, e dei servizi e prodotti strettamente ad esso correlati, è di circa 200 milioni di euro.

 

Cosa serve per aprire un centro yoga

Aprire un centro yoga è possibile con diverse formule e modalità. Ad oggi è possibile di fatti anche decidere di aprire un centro yoga minimale, con pochi capitali a disposizione ed un numero ridotto di partecipanti, scegliendo eventualmente di espandersi solo più avanti, così come è possibile avviare un business aprendo, per chi ha i capitali necessari a disposizione, un centro yoga e fitness di dimensioni ampie con tanti servizi e prodotti accessori e complementari.

Data l’enorme concorrenza nel settore, per aprire un centro yoga sarà innanzitutto necessario studiare un format e delineare un piano di corsi accattivante ed originale. Se offrire un corso di yoga classico è alla base, indispensabile sarà specializzarsi anche in una o più discipline che si fondano sullo yoga e di tendenza come l’antigravity yoga, lo yogalates, il poweryoga, eccetera. Tutte queste tendenze provengono generalmente dall’estero e presentano la combinazione dello yoga con discipline o modalità di esecuzione differenti come la sospensione con particolari imbracature o l’unione di yoga e pilates, fitness, arti marziali ed orientali e così via, oltre a specializzarsi spesso per uno specifico target come donne incinta, bambini o perfino naturisti.

Una volta trovato il format che meglio si adatta alle tendenze del mercato nonché alle proprie aspirazioni e capacità di investimento, per aprire un centro yoga sarà fondamentale studiare il mercato, la concorrenza ed il bacino di utenza locale, scegliendo una location posizionata strategicamente, visibile, di passaggio e facilmente raggiungibile, con possibilità di parcheggio ma non troppo rumorosa o inquinata.

Il locale necessario per aprire un centro yoga parte da un minimo di 40/50 mq per un’utenza di circa 10 partecipanti. Lo spazio e la metratura necessari variano a seconda del numero di iscritti, di corsi, di servizi e prodotti complementari che si vogliono offrire nonché dal format che si vuole dare al centro yoga. Per un piccolo centro yoga minimale sarà sufficiente allestire una stanza per il corso, senza tralasciare un’area di accettazione e segreteria, oltre a bagni e spogliatoi.

Fondamentale quando si apre un centro yoga sarà poi la preparazione e professionalità degli insegnati nonché la promozione e la comunicazione, sia online che offline, oltre all’attenzione al cliente per massimizzare la fidelizzazione.

 

Costi, investimento e guadagni per aprire un centro yoga

Aprire un centro yoga è possibile sia avviando l’attività in piccolo, offrendo ad esempio un solo corso per pochi iscritti o soci, con un solo insegnante e mantenendo minimali gli arredi ed i decori, sia avviando un vero centro fitness e di benessere dedicato allo yoga, con più sale corsi, vendita di accessori e prodotti correlati, seminari ed incontri, ecc.

Per avviare un piccolo centro yoga, con uno o due corsi, sarà sufficiente allestire una sala per le lezioni, possibilmente con pavimento in parquet di legno, ampie finestre, o ventole di areazione sufficienti, dotandolo di impianto audio per la musica, di uno stereo, di accessori necessari per lo svolgimento delle lezioni, attrezzature e tappetini per lo yoga sufficienti per tutti i partecipanti. Gli arredi ed i decori potranno essere minimali o del tutto assenti nella sala delle lezioni, ma sarà necessario comunque allestire spogliatoi, bagni ed una reception con tutto il necessario.

Per aprire un piccolo centro yoga come sopra esposto, dunque considerando i costi legati alla location ed al suo allestimento, gli adempimenti burocratici e le campagne promozionali, sarà necessario un investimento iniziale minimo di circa 20.000 euro.

I guadagni di un centro yoga non sono affatto deludenti. Se si opta per l’apertura di un centro yoga che possa ospitare circa 100 iscritti, offrendo più di un corso ed assumendo insegnanti esterni, le entrate annue possono arrivare a circa 60.000 / 70.000 euro. Tolti i vari costi di gestione inerenti personale, locale, utenze, consulenze commerciali, il guadagno annuo arriva a circa 15.000 / 25.000 euro.

 

Iter burocratico, requisiti e consigli burocratici per aprire un centro yoga

Se si opta per l’apertura di un piccolo centro yoga è possibile farlo mediante la costituzione di un’associazione sportiva dilettantistica, riservata dunque ad un numero ristretto di soci tesserati. Per aprire un centro yoga multisala con più partecipanti e di dimensioni più ingenti, invece sarà necessario avviare una società.

La prima soluzione permette semplificazioni ed agevolazioni, sia di carattere finanziario che burocratico, ma consente di finanziare il proprio centro, e guadagnare, solo mediante le quote di partecipazione ed associazione dei partecipanti. La seconda soluzione, più complessa dal punto di vita burocratico e con costi di avvio e gestione più elevati, permette tuttavia di diversificare il proprio business offrendo più servizi, corsi e vendita di prodotti per massimizzare i ricavi.

Per aprire un centro yoga, poi, sarà fondamentale che gli insegnanti, che l’imprenditore stesso ne faccia parte o meno, posseggano riconosciute abilitazioni, titoli di studio, certificazioni ed esperienze nell’insegnamento dello yoga o della disciplina insegnata.

Per chi ancora non lo fosse e desiderasse diventare un insegnante di yoga abilitato è bene sapere che formarsi, frequentando corsi e scuole ufficiali e riconosciute dalla federazione italiana dello yoga, è necessario frequentare corsi professionali per circa tre o quattro anni, investendo al contempo una somma che va sino circa a 5.000 euro. Fondamentale è poi il costante aggiornamento sulla disciplina, mediante la frequentazione di corsi e seminari periodici.

Per chi non desiderasse diventare in prima persona insegnante, o semplicemente desiderasse offrire più corsi ed accogliere un maggior numero di utenti, sarà fondamentale selezionare personale qualificato ed abilitato, regolarmente iscritto alla Federazione Italiana Yoga.

Se si vogliono offrire più corsi, come in un centro fitness, a livello burocratico, gli adempimenti necessari per aprire un centro yoga saranno:

  • apertura Partita Iva (solo nel caso in cui si apra un’associazione sportiva dilettantistica si potrà optare per la sola apertura del codice fiscale, senza partita iva, ma rinunciando a differenziare il business)
  • comunicazione di Inizio Attività al Comune
  • apertura posizioni INPS ed INAIL (nel caso si assuma personale come insegnanti, segretarie, ecc)
  • iscrizione al Registro delle Imprese
  • richiesta del permesso per esporre l’insegna
  • pagamento dei diritti SIAE per la diffusione di musica
  • messa a norma del locale e degli impianti secondo le normative igienico-sanitarie, di sicurezza, agibilità, ecc.

QUI trovi tutti i migliori Franchising nel settore Fitness e Palestre

QUi invece tutti i Franchising nel settore Benessere

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere