Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

FranchisingBlog
venerdì 08 maggio 2015

Investire su sé stessi per costruirsi un futuro. 

Non trovo lavoro? Investo su di me.

Il mercato del lavoro è cambiato, è un fatto: contratti nuovi, in molti casi a termine, il posto fisso che è ormai una rarità, stage infiniti.. Ma non di sole negatività è fatto questo nuovo mondo.

La difficoltà di cercare e trovare lavoro, spinge molti verso nuove forme di autoimpiego: investire su sé stessi, quando altri non lo fanno, non è solo l’ultima chance. Spesso è la scelta consapevole di percorrere una strada alternativa, per alcuni versi spianata dalle nuove tecnologie, non priva di difficoltà, ma anche ricca di soddisfazioni.
A volte, è davvero il caso di dirlo, basta avere l’idea giusta e il coraggio di lanciarsi nella sua realizzazione.

Leggi anche: idee imprenditoriali 2016

Ne parliamo con Luca Sartirano, owner di Gears – Factory.

 

Nella foto: la pagina FB dello store

Piemontese, già blogger, web designer e talentuoso disegnatore, in un paio di anni Luca è riuscito a dar vita ad una attività di produzione e vendita di gioielli artigianali che sta riscuotendo successo e della quale sentiremo parlare.

Un progetto, il suo, che parte proprio da zero, nello studio di casa, con la selezione accurata dei materiali e di uno stile, quello steampunk, caratteristico e apparentemente di nicchia. Luca ha scelto di vendere tramite Etsy, eliminando in tal modo i costi connessi alla gestione di uno spazio fisico e riuscendo, nel contempo, a proporre le sue creazioni ad un pubblico decisamente vasto. I suoi clienti sono in U.S.A., Russia, Cina e, a giudicare dai commenti lasciati sullo store, sono tutti incredibilmente soddisfatti.


Allora Luca, da che parte si inizia? Come ti è venuta l’idea?
- Ho da sempre avuto il pallino di svincolarmi dalle classiche modalità lavorative, l'idea di aprire uno store online di gioielli in rame mi è venuta in maniera quasi casuale girovagando per la rete.

Quindi, a patto di avere una buona idea di partenza, è qualcosa che potrebbero fare tutti. Ma che mi dici dell’impegno economico? Qual è il budget richiesto?
- Naturalmente, la ragionevole sicurezza riguardo la sostenibilità dell'idea di partenza è essenziale, così come lo è il sondare il mercato. Chiunque ha delle potenzialità che spesso sottovaluta o che non sa come incanalare: guardarsi intorno e studiare le possibilità offerte dalla rete è il primo passo per passare dall'idea all'avvio del progetto.

Il budget di partenza, compatibilmente con la tipologia di prodotti offerti è ragionevolmente basso. Nel caso di idee particolarmente innovative si può ricorrere alle nuove forme di finanziamento, come il crowdfunding che si sta sviluppando anche nel nostro paese.

Tu hai scelto di aprire il tuo store su Etsy, una piattaforma ancora poco nota nel nostro Paese. Perché? Non era meglio andare sul sicuro con un classico Ebay?
Ho scelto Etsy in quanto piattaforma leader nel settore dell'handmade. Nonostante non sia ancora molto diffusa in Italia è in grado di fornire tutti gli strumenti indispensabili per avviare uno store, con costi decisamente contenuti e, cosa non marginale, è in grado di metterti in contatto con un grosso mercato di acquirenti propensi all'acquisto online, qual è quello americano e in parte europeo.

Il tuo laboratorio è all’interno di casa, non hai orari rigidi, dai sfogo alla tua creatività. Ma è davvero tutto così perfetto?
- Lavoro in casa, prevalentemente in orari notturni. I pregi sono abbastanza ovvi, vanno dalla completa gestione dei tempi al dover rispondere solo a se stessi; per quanto riguarda i difetti (anche se non li definirei proprio tali) vi è la necessità di imporsi una certa dose di disciplina e la ridotta mancanza di interazioni sociali offerte da un classico posto di lavoro.

So che hai in cantiere un altro ambizioso progetto, molto diverso dal precedente, ma ancora una volta non “tradizionale”. Sembra che tu ci abbia preso gusto e che, alla fine, queste nuove forme di lavoro portino dei risultati interessanti. Le consiglieresti?
- E' vero, ora in cantiere c'è una società di produzione di Apps dedicate prevalentemente ai bambini, un'avventura piuttosto interessante, sebbene faticosa.

Ringraziamo Luca per aver condiviso con noi la sua esperienza.


In conclusione, nonostante in questi campi la legislazione italiana non sia particolarmente amica, mi sento di consigliare questa strada a chiunque abbia voglia di creare qualche cosa con le proprie mani, svincolandosi al tempo stesso dai canali ufficiali. Cosa che, a parer mio, presto diventerà una necessità per molti, eventualità non necessariamente negativa.

Torna alla sezione Investimenti

Visita anche la sezione: Come aprire la tua attività

Vedi tutti i post di Franchising Blog

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere