Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
lunedì 21 gennaio 2019

Rendere funzionali ed accoglienti le case è un business redditizio. 

Aprire un Negozio di Casalinghi: Costi e Requisiti – Guida Completa

Leggi anche la guida completa: Come aprire un negozio

Confronta i migliori Franchising di Casalinghi ed Oggettistica per la Casa QUI

Un settore che non sembra allentare la propria attrattiva sui consumatori, ma che anzi negli ultimi anni pare averla incrementata, è quello dei casalinghi e dell’oggettistica per la casa. Investire in questo settore, con le dovute accortezze, può dare infatti vita ad un business longevo e redditizio, purché si riesca ad aprire un negozio di casalinghi competitivo, tendendolo sempre aggiornato con prodotti in linea con le richieste della cliente e le tendenze di mercato.

aprire negozio casalinghi costi iter

 

Cosa serve e qualche consiglio per avere successo

Nei negozi di casalinghi è generalmente possibile trovare ogni genere di prodotto od oggetto per la casa. Esistono anche negozi specializzati, magari in elettrodomestici o arredamento, ma per avviare un negozio di casalinghi di successo è consigliabile, almeno in fase iniziale, puntare su una gamma di prodotti più ampia, capace di attrarre una maggiore clientela.

Ovviamente per avviare un negozio di casalinghi di successo è fondamentale pianificare  l’attività nei minimi dettagli, redigendo un business plan accurato, stimando costi ed investimento, valutando i potenziali ricavi ed i tempi di rientro dall’investimento. È poi importante, ancor prima di scegliere la gamma di prodotti da offrire, il locale e la sua localizzazione, studiare accuratamente il mercato ed il territorio di riferimento.

Non solo per aprire un negozio di casalinghi di successo sarà necessario conoscere il settore ed i prodotti offerti ma anche saper intercettare correttamente le esigenze dei propri consumatori. Questo è possibile studiando la concorrenza locale e la tipologia di potenziale clientela presente, individuando i vari target di riferimento principali.

Un negozio di casalinghi presenta ad ogni modo il grande vantaggio di rivolgersi ad un target di clientela molto eterogeneo. Dalle famiglie ai single, dai giovani agli anziani, tutti almeno una volta, per necessità o per desiderio di abbellire la propria casa o migliorarne l’estetica, visitano i negozi di casalinghi.

Per aprire un negozio di casalinghi di successo sarà poi necessario offrire la giusta gamma di prodotti, un rapporto qualità-prezzo concorrenziale, elevata qualità degli articoli, un servizio professionale e competente, un ambiente allestito con gusto, design ed in maniera ordinata, valorizzando al meglio ogni prodotto esposto, nonché realizzare campagne di promozione, fidelizzazione, comunicazione e marketing efficaci.

Per aprire un negozio di casalinghi sarà fondamentale individuare la giusta location, che abbia sufficiente visibilità ed afflusso ed una metratura media di 80-100 mq, per permettere un allestimento della merce ottimale.Altri fattori da valutare attentamente saranno poi la scelta dei fornitori, che offrano prezzi vantaggiosi e rifornimenti puntuali, nonché lo studio e la progettazione del locale ed il suo allestimento.

Un ambiente accogliente, profumato, con musica di sottofondo tenue, con espositori e arredi di design, e magari con aree relax come un piccolo angolo giochi per i bambini o un’area con poltroncine, sono accortezze che possono fidelizzare e far sentire a proprio agio il cliente.

 

Iter e requisiti burocratici

Per aprire un negozio di casalinghi non è necessaria alcuna licenzatitoli di studio o abilitazioni particolari. Per questa ragione, l’iter burocratico per aprire un negozio di casalinghi, nonché i requisiti necessari sono davvero minimali.

Oltre alle dovute capacità e conoscenze personali in fatto di casalinghi, design, gestione, comunicazione con il cliente, organizzazione e marketing, sarà necessario adempiere ai seguenti step burocratici:

  • apertura Partita Iva
  • iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio
  • eventuale apertura delle posizioni fiscali e previdenziali
  • comunicazione certificata di Inizio Attività al Comune di apertura
  • ottenimento permesso per affissione insegna esterna
  • eventuale pagamento dei diritti SIAE per diffondere musica/video
  • adeguamento e messa a norma dei locali, sia pubblici che riservati al personale, secondo gli standard comunali nonché le direttive dell’Asl

 

Costi e vantaggi del franchising

Aprire un negozio di casalinghi in autonomia può richiedere un investimento iniziale non proibitivo ma nemmeno contenuto. Gli ampi spazi necessari per allestire la merce, la necessaria visibilità della zona di apertura nonché la prima fornitura di merce (la voce di spesa più alta insieme alle spese inerenti il locale quali allestimento, messa a norma, ristrutturazioni, arredamento, pagamento prime utenze ed allacci), unite alle spese per gli adempimenti burocratici, il personale e le campagne di marketing ed inaugurazione, generano un investimento iniziale per aprire un negozio di casalinghi di circa 60.000 / 70.000 euro.

Aprire un negozio di casalinghi è tuttavia possibile anche affiliandosi ad una nota insegna, ovvero entrando a far parte di una rete franchising.

I vantaggi dell’aprire un negozio di casalinghi in franchising sono innumerevoli.

Aprire un negozio di casalinghi in franchising  non richiede esperienze pregresse e garantisce generalmente un format chiavi in mano comprensivo di tutto il necessario per avviare l’attività in breve tempo ed avere  successo.

Tra i principali vantaggi troviamo formazione, assistenza ed affiancamento costanti, supporto in fase di star up, trasferimento di know-how e modalità gestionali collaudate e di successo, utilizzo di un brand noto e della relativa visibilità nazionale, forniture a prezzi altamente vantaggiosi, agevolazioni importanti quali la merce in conto vendita o il ritiro delle rimanenze, rifornimenti puntuali nonché un investimento più ridotto rispetto all’avvio in proprio, accuratamente preventivato in fase di start-up.

L’investimento richiesto per aprire un negozio di casalinghi ed oggettistica in franchising, con un format tutto compreso, va dai 20.000 ai 30.000 euro.


Visualizza tutte le reti franchising che ti permettono di aprire un Negozio di Oggettistica per la Casa, CLICCA QUI

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere