Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
lunedì 28 settembre 2015

Il buon cibo che fa business. 

Come aprire una gastronomia

Quella delle gastronomie italiane è un’attività molto particolare: esse propongono su un mercato in continuo cambiamento i prodotti della tipica tradizione nostrana, in versione da asporto. In tal modo esse uniscono la praticità del pasto “a portar via”, molto apprezzata in questi anni di ritmi frenetici, con il gusto più tipico del focolare casalingo. Forse è proprio per questo che le gastronomie sono ancora oggi molto frequentate e restano un’ottima idea per chi vuole avviare un’attività.

aprire una gastronomia conviene

 

Cosa serve per aprire una gastronomia

Per una gastronomia di successo le dimensioni del locale contano poco. A fare la differenza è la zona nella quale si sceglie di aprire: dovrà essere centrale, facilmente raggiungibile (meglio se con posti auto nelle immediate vicinanze) e preferibilmente vicina a scuole o uffici.

Le attrezzature necessarie dipendono ovviamente dal tipo di servizio offerto. Per una dotazione di base possiamo considerare necessari: un bancone con vetrina per l’esposizione degli alimenti pronti alla vendita, un frigorifero, una zona cucina attrezzata (con friggitrice e forno adatto alla cottura di pane e pizza).

Leggi anche: Aprire attività nella ristorazione, guida completa


Requisiti e iter per aprire una gastronomia

Una gastronomia classica, ovvero nella quale vengono venduti esclusivamente i prodotti ivi preparati, rientra tra le attività artigiane. Al contrario, là dove si decida di vendere anche prodotti confezionati, si tratterà di un’impresa commerciale. La diversa configurazione incide sull’iter da seguire.
Per una tradizionale gastronomia artigianale, l’artigiano dovrà:

  • aprire P.Iva
  • regolare la propria posizione Inail e Inps
  • iscriversi alla Camera di Commercio competente
  • comunicare al Comune di competenza l’inizio di attività e regolare le competenze amministrative e sanitarie

Leggi anche: Aprire partita Iva e Comunicazione Unica

Se l’attività è configurabile come vera attività commerciale, oltre agli adempimenti già indicati, il titolare dovrà avere i requisiti necessari alla commercializzazione di alimenti e bevande e quindi:

  • aver frequentato un corso riconosciuto dalla Regione;
  • o, in alternativa, aver lavorato nel settore per almeno due anni negli ultimi cinque;

 

Quanto costa aprire una gastronomia

Tra immobile e allestimento, aprire una gastronomia può costare fino a 30.000 €, considerando uno spazio ridotto e dotazioni essenziali. Si tratta di un impegno economico che, con una buona pubblicità e il giusto bacino di utenza, può essere recuperato in pochi anni.

Per ridurre i costi è possibile rivolgersi al mercato dell’usato specializzato e acquistare così attrezzature di buon livello a prezzi vantaggiosi. Allo stesso modo, almeno in fase iniziale, è consigliabile non assumere molto personale: l’ideale per questo tipo di attività è la conduzione familiare o, comunque, un massimo di due addetti (a meno che le dimensioni e i servizi non richiedano da subito una forza lavoro maggiore).

Leggi anche: Ottenere il capitale per aprire un'attività


Il Franchising gastronomico

Si va dai 7.000 ai 50.000 €, ma per una gastronomia tradizionale i costi ai aggirano in media tra i 10.000 e i 20.000 €, per poi salire man mano che si aggiungono servizi o all'aumentare di notorietà del brand.
Sicuramente la scelta del franchising è preferibile per chi è alle prime armi: sebbene non siano necessarie qualifiche particolari per aprire una enogastronomia, un minimo di competenze manageriali, oltre che culinarie sono necessarie e, affiliarsi a un brand con esperienza nel settore può essere d’aiuto.

In genere chi decide di aprire una gastronomia in franchising punta soprattutto sulla praticità: rivolgersi ad un nome noto significa infatti essere condotti per mano nel settore ed essere accompagnati nella riproduzione di un format di successo sul mercato (dalla fase di progettazione degli spazi fino alla vera e propria gestione quotidiana). Anche rifornimenti, allestimenti e insegne, sono gestiti dalla casa madre che, spesso, concede all’affiliato formule interessanti di finanziamento o dilazioni che rendono molto meno pesante l’esborso iniziale.

A ciò si aggiungano, quali indubbi vantaggi, l’apporto di un team esperto che si occuperà, su scala nazionale, del marketing e della promozione.

Per visionare i marchi in franchising che offrono affiliazione in questo settore visita la sezione Franchising Ristorazione

Luca Cortesi
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere