Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
lunedì 21 novembre 2016

Come unire amore per gli animali e business. 

Come aprire una pensione per cani.

Leggi anche: Come aprire un'attività - Guida Completa.

Per visualizzare i marchi in franchising operanti nel settore Animali, clicca qui.

Se la tua grande passione sono gli animali ed il loro mondo e sei alla ricerca di una nuova attività imprenditoriale, perché non unire le due cose ed aprire una pensione per cani.

In Italia sono 1 su 2 le famiglie che possiedono un cane, senza contare i padroni di gatti, conigli, criceti ed altri animali. La domanda di pensioni per animali c’è ed aumenta soprattutto durante le vacanze, causa della carenza di strutture alberghiere adatte ad ospitarli, diventando una vera e propria necessità per chi non sa a chi affidare il proprio amico a quattro zampe.

Consideriamo poi che vi è carenza di asili e pensioni per animali, se pur in Italia il loro numero sia in crescita, ed il mercato è ancora lungi dall’essere saturo. Aprire la vostra pensione per cani può quindi diventare un’attività dalle buone possibilità di successo.

aprire pensione per animali

Prerequisito essenziale è ovviamente l’amore per gli animali e la conoscenza delle varie razze canine e delle altre specie che vorrete ospitare nella vostra pensione, delle loro peculiari caratteristiche e necessità. È inoltre utile avviare la pensione insieme ad uno o più soci che condividano la vostra passione e che abbiano competenze imprenditoriali complementari alle vostre. Inoltre, se non possedete le conoscenze adeguate potete sempre acquisirle attraverso corsi, tirocini e periodi di volontariato presso altre strutture simili.


La struttura

Per offrire un servizio di qualità la struttura adibita a pensione deve essere non solo funzionale, confortevole ed accogliente per gli animali ma anche rispettare tutti i requisiti igienico sanitari. Vediamo quindi le caratteristiche di una pensione per animali ideale.

  • Locali ampi con zona adibita ad ufficio e accoglienza clienti, zona dedicata alla tolettatura e cura degli animali, spazio al chiuso o coperto dove far riparare gli animali in caso di mal tempo, box ampi ed un’area all’aperto dove far giocare e correre gli animali insieme per almeno un paio d’ore al giorno.
  • I box per cani devono avere ampiezza minima di 4mq, per i cani di taglia grande almeno 9mq. La metratura minima varia poi in base alla tipologia di animale ed alle sue dimensioni. I box devono avere accesso all’acqua corrente, avere un buon sistema di scolo e prestarsi ad essere facilmente puliti.
  • La struttura deve essere ubicata a non meno di 500 metri dai centri abitati.
  • I locali devono essere collegati a rete elettrica, rete idrica e fognature.
  • Sono obbligatorie le disinfezioni e disinfestazioni periodiche per prevenire malattie e parassiti.
  • Per offrire un servizio migliore è inoltre consigliato avere un sistema di riscaldamento ed aria condizionata oltre ad assicurarsi che la struttura ed i box siano ben isolati.

Inoltre sarà indispensabile convenzionarsi con un buon veterinario in zona che possa offrire un servizio 24h su 24 sia per quanto riguarda vaccinazioni e visite periodiche sia nel malaugurato caso di emergenze sanitarie.

È inoltre buona norma tenere un registro accuratamente aggiornato su tutti gli animali che ospitate, sulle abitudini alimentari di ognuno, sulle vaccinazioni eseguite e non, e richiedere al padrone il libretto sanitario, le malattie pregresse dell’animale e tutti i numeri da contattare in caso di emergenza.


L'iter da seguire

L’iter burocratico da seguire non è, per fortuna, molto complesso.

  • Apertura Partita Iva.
  • Iscrizione alla Camera di Commercio.
  • Dichiarazione di inizio attività.
  • Dichiarazione degli orari di apertura.
  • Eventuale permesso per esporre l’insegna.
  • Regolazione delle posizioni Inps ed Inail.
  • Ottenimento delle certificazioni di idoneità e dei nulla osta sanitari, igienici e di agibilità da parte dell’Asl e del servizio di igiene.
  • Licenza Comunale.

Inoltre le norme in merito all’apertura di una pensione per cani possono subire leggere variazioni in base alla zona, è quindi cauto informarsi presso il Comune dove si intende aprire la struttura.


Come avviare un'attività di successo ed i costi

Diversificazione e qualità del servizio, queste le parole d'ordine per avere successo. Per diversificare l' offerta si può puntare, oltre al servizio di pensione, anche a quello di asilo per cani ovvero farli giocare, addestrarli e farli partecipare ad attività ludiche.

Sarà fondamentale anche pubblicizzare la vostra attività attraverso i social media, i volantini, organizzando eventi, presso strutture dedicate agli animali, veterinari, negozi ed associazioni.

Per aprire una pensione o un asilo per cani dovrete investire non meno di 30.000 euro, somma che aumenta sensibilmente in base alla struttura, ai servizi offerti, al numero di animali che si vogliono ospitare. I guadagni non sono però da meno, infatti per accudire un cane i costi sono mediamente di 20 euro al giorno o più, in base alla qualità del proprio servizio, alla concorrenza e ad altri fattori.

Clicca qui per visualizzare tutti i marchi in franchising operanti nel settore degli animali.

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere