Logo AIF

Le 5 cose da sapere per aprire un Franchising di Cannabis

Un mercato ricco di opportunità e, con le giuste accortezze, molto redditizio

4 minuti

Leggi anche: Come aprire un negozio di prodotti a base di canapa

Visita la sezione Franchising Cannabis Light QUI

Il settore della cannabis  light in Italia è in grande fermento da oramai un anno. Aprire un’attività in questo settore risulta essere ancora oggi una buona opportunità imprenditoriale, aspirazione dunque di coloro che desiderano mettersi in proprio.

Complici la recente rinascita di questo settore in Italia, la sempre maggiore conoscenza da parte del grande pubblico in materia di cannabis, nonché la concorrenza ancora tutto sommato trascurabile, aprire un negozio con prodotti a base di canapa o di cannabis light risulta essere un buon investimento.

aprire franchising cannabis

Affidarsi ad un franchising è una delle possibili, nonché la più facile, opzione per entrare nel settore. Un marchio noto, marketing a livello nazionale, know-how consolidato, esperienza, prezzi agevolati sulle forniture di prodotti e format chiavi in mano consentono ai neo imprenditori, anche non esperti del settore, di aprire il proprio franchising di cannabis con successo.

Vediamo insieme 5 aspetti fondamentali da considerare prima di entrare nel settore della canapa legale, in franchising o in modo autonomo.

1 Cosa è Possibile, e cosa Non è Possibile, Vendere

Aprendo un’attività nel settore della canapa legale è importante informarsi accuratamente in merito alle vigenti normative in materia e tenersi costantemente aggiornati. Aprire un franchising di cannabis può facilitare le cose grazie all’affiancamento, all’assistenza, alla formazione ed agli aggiornamenti gestiti dalla casa madre.

Aprendo un franchising di cannabis è possibile vendere innanzitutto la canapa sativa, solamente nel caso in cui essa provenga da coltivazioni certificate, autorizzate e controllate, ed abbia livelli di THC entro i limiti consentiti. Vendere le infiorescenze di canapa sativa, i semi e le foglie è tuttavia vietato per scopi ricreativi, viene di fatti consentita la vendita solo per uso “decorativo” e “da collezione”.

2 Prodotti Complementari

Oltre alla canapa sativa / cannabis light, è possibile anche offrire ai propri clienti moltissimi altri prodotti legali. Oltre agli alimenti ed alle bevande aromatizzati, o realizzati a base e con estratti di canapa sativa, è possibile vendere farine, olii, essenze, the e caffè, indumenti ed oggettistica realizzati con fibre di canapa, accessori e merchandising a tema, accessori per il fumo o il giardinaggio e letteratura sulla tematica.

È importante inoltre, a seconda dei prodotti venduti, accertarsi di possedere tutti gli attestati, licenze ed autorizzazioni richieste dalla legge (ad es. per i prodotti alimentari l’attestato SAB, per gli alcolici la licenza relativa, ecc).

3 Target e Potenziali Clienti

Aprire un franchising nel settore cannabis legale significa rivolgersi ad un target molto più eterogeneo di quanto non si pensi. Dai giovani clienti, incuriositi dalle novità, sino alle persone favorevoli alla legalizzazione, passando per tutti coloro che hanno realmente bisogno di consumare canapa per scopi medici e terapeutici e per tutti coloro che ritengono utili e benefici per la propria persona tutte le proprietà intrinseche nella cannabis light e nei prodotti alimentari che la contengono.

4 Il Mercato e la Concorrenza

Se pur il mercato della cannabis sia ancora una recente novità in Italia, il settore sta diventando a ritmi vertiginosi sempre più concorrenziale e richiesto. Dato l’interesse riscontrato nel pubblico e quello da parte degli aspiranti imprenditori, spesso giovani, è importante saper cogliere l’opportunità per tempo ed entrare nel settore della canapa con lungimiranza ed acume, prediligendo format e tipologie di attività capaci di durare nel tempo e di distinguersi dalla concorrenza presente. Affidarsi ad un franchising sicuramente può favorire l’inserimento e dare maggiori sicurezze, grazie ad un format già testato e collaudato, dal comprovato successo.

5 Attività Parallele e di Pubblica Utilità

Oltre alla semplice vendita di prodotti a base di canapa e di cannabis light, entrare nel settore significa anche fare una sceltapolitica” e sociale. Sarà dunque un’opportunità, e spesso una necessità, organizzare eventi, corsi formativi, incontri e convention sulla tematica.

Lo scopo sarà duplice, da un lato diffondere una maggiore informazione riguardo alla canapa sativa ed alle sue proprietà ed utilizzi, dall’altro infondere nella propria clientela, o potenziale tale, un senso di fiducia, professionalità e competenza che saranno in grado di far crescere la vostra attività in franchising, o no, di cannabis, di farvi diventare un punto di riferimento per la comunità e di fidelizzare la clientela nel tempo.

Confronta tutte le migliori proposte nella sezione Franchising Cannabis

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca