Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Apertura attività
martedì 14 novembre 2017

Un lavoro che unisce successo imprenditoriale ed amore per gli animali 

Aprire un Asilo per Cani - Guida Completa

Confronta i migliori Asili per Cani in Franchising.

Leggi anche: Come aprire una pensione per cani

aprire asilo cani

 

Il mercato

Una famiglia su due in Italia ha un cane o un altro amico a quattro o due zampe e nessuno di loro rinuncerebbe a spendere qualcosa in più pur di prendersi cura di loro e renderli felici. Questo, insieme ad un sempre maggiore attaccamento emotivo e ad alla presa di coscienza nei confronti dei diritti degli animali, porta ad una crescente richiesta di servizi a loro dedicati.

Dalle pompe funebri che aiutano a dire addio in modo dignitoso ad un compagno fedele ed affettuoso alle gelaterie ed ai ristoranti con menù adatti anche per gli amici a quattro zampe, sino ad arrivare alle pensioni ed agli asili per animali.

Una carriera stimolante e gratificante, nonché altamente remunerativa, che unisce amore per gli animali e business e quella di aprire un asilo per cani. Aprire un asilo diurno per cani significa inserirsi in un mercato con un tasso di crescita esponenziale in cui la domanda del mercato è lungi dall’essere soddisfatta.

 

Cosa serve ed i costi

Un asilo per cani altro non è che un luogo del tutto somigliante ad un parco giochi per bambini, eccetto che il primo è fatto su misura per le esigenze e le abitudini canine. In un asilo per cani i padroni affidano il loro amico a quattro zampe a personale esperto ed attento che non solo accudirà e farà compagnia ma che intratterrà gli animali facendoli giocare, socializzare e divertire.

Chi desidera aprire un asilo per cani dovrà possedere non solo amore per gli animali ma anche conoscenza e competenza nel riconoscere le varie razze, nel saper intercettare correttamente i loro bisogni e nel saperli accudire con cura e professionalità.

Per chi desidera entrare in questo settore è sempre consigliabile fare esperienza sul campo in altre attività similari, imparando così a riconoscere le migliori modalità per accudire i cani ed i servizi maggiormente utili ai loro padroni.

L’aspetto più complesso per aprire un asilo per cani riguarderà la location. Da un lato un locale centrale è più facilmente raggiungibile ma comporta costi più sostenuti. D’altro canto una location periferica, se pur più difficile da raggiungere, permette di avere metrature più ampie e più spazi aperti per far giocare i cani liberamente, senza far lievitare troppo i costi.

Fondamentale per la scelta del locale più adatto è un accurato studio del mercato, delle abitudini dei residenti e della concorrenza, nonché un’attenta analisi dei costi e delle condizioni di partenza del locale.

Aprire un asilo per cani partendo da zero richiede un investimento minimo difficilmente inferiore ai 30.000 €.

Questo investimento iniziale, prevedendo di mantenere metrature ridotte ed i costi al minimo, comprende il locale e la sua messa a norma, le ristrutturazioni, le utenze, l’affitto e l’allacciamento alle varie reti, i giochi, le attrezzature ed il mobilio basilare nonché gli adempimenti burocratici, la promozione e l’inaugurazione del nuovo asilo per cani.

Quando si apre un asilo per cani è importante intercettare correttamente i bisogni dei consumatori locali, le loro abitudini e le necessità dei loro amici a quattro zampe. Può essere un’idea redditizia offrire in aggiunta all’asilo diurno per cani anche un servizio di pensione per animali per periodi più prolungati, corsi di addestramento, corsi per insegnare ai padroni alle prime armi come educare correttamente i propri animali e come comunicare con loro nonché un servizio di tolettatura.

In ultimo, sarà fondamentale essere convenzionati con uno o più veterinari di fiducia in modo da garantire sempre e per ogni evenienza la sicurezza e la salute dei cani accuditi.

 

L’iter burocratico

Aprire un asilo per cani non richiede adempimenti particolarmente stringenti oltre a quelli inerenti la salubrità, l’igiene degli ambienti e la loro messa in sicurezza.

L’iter burocratico da seguire sarà:

  • Apertura Partita Iva
  • Iscrizione al Registro delle Imprese
  • Comunicazione di avvio attività e degli orari di apertura
  • Comunicazione Unica
  • Apertura posizioni INPS ed INAIL
  • Valutazione del rischio
  • Permesso per esporre l’insegna
  • Autorizzazione comunale o condominiale (nel caso il locale sia all’interno di un edificio abitativo)

Ulteriori adempimenti potrebbero essere richiesti su base Regionale ed è sempre bene informarsi presso gli enti preposti.

I locali, inoltre, dovranno ricevere il nulla osta sanitario da parte dell’Asl e del Servizio di Igiene.

Sarà perciò necessario:

  • garantire ad ogni ospite a quattro zampe metratura sufficiente in base alla sua dimensione,
  • avere allacci a norma alle reti idriche, elettriche e fognarie,
  • garantire ambienti salubri con disinfezioni e disinfestazioni periodiche per eliminare malattie e parassiti.

 

Il franchising

Sono già nate le prime reti franchising che permettono di aprire un asilo per cani con il supporto e la guida di un’azienda esperta e consolidata sul mercato.

Soprattutto per gli imprenditori alle prime armi, ma anche per i più esperti, aprire un asilo per cani in franchising potrebbe essere economicamente più conveniente grazie ad accordi commerciali vantaggiosi e ad un investimento a partire da 14.000 euro.

Inoltre, affiliandosi ad un franchising di asili per animali si avrà formazione completa e corsi di aggiornamento, assistenza per la valutazione del locale, progettazione ed allestimento “chiavi in mano”, pubblicità a livello nazionale nonché supporto per l’espletamento delle pratiche burocratiche.

Visiona tutti i migliori Franchising nel settore Animali qui

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti gli articoli

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere