Logo AIF

Aprire una Gineria

Come trasformare in business il culto del gin

4 minuti

  

Leggi anche la guida completa: Come aprire un Cocktail Bar

Visita la sezione: Franchising Cocktail Bar

  

In questa guida vediamo come aprire una gineria partendo da zero e cosa serve per avviare il business con successo nel mercato attuale.
 

 
MERCATO E TENDENZE
 

Le ginerie sono locali di tendenza che negli ultimi anni sono stati riscoperti, ma in realtà esistono da sempre. Il gin è infatti un distillato amatissimo in tutto il mondo, tanto che alcuni locali hanno deciso di creare attorno al culto del gin un vero e proprio format imprenditoriale.

Ad oggi esistono centinaia, se non migliaia, di gin differenti con caratteristiche uniche e distintive. Questo permette a chi apre una gineria di offrire una vastità quasi infinita di cocktail, oltre alla degustazione del gin puro. Basti pensare che anche solo il classico gin tonic può essere offerto con una vastità enorme di variabili, grazie non solo alle centinaia di etichette di gin esistenti ma anche alle decine di toniche differenti ed alle guarnizioni ed aromi che è possibile abbinarvi. Vi sono poi numerosissimi altri cocktail a base di gin, che permettono di ampliare ulteriormente le potenzialità di offerta.

Certamente nel mercato attuale aprire una gineria di successo non è immediato e richiederà di incontrare le nuove tendenze ed i gusti dei consumatori moderni. Per differenziare la propria gineria si potrà personalizzare il format dandogli un carattere unico, allestire il locale in maniera originale, oppure includere nel menù anche piatti di ristorazione o piccola ristorazione che si abbinino ai cocktail proposti.

 
COSA SERVE
 

Oltre alle indispensabili analisi preliminari ed a un’attenta pianificazione del business, per aprire una gineria di successo non potranno mancare conoscenze e competenze approfondite nel settore. Una gineria è infatti un locale in cui imprenditore e personale dovranno essere estremamente preparati sia sul gin che sui vari cocktail ed abbinamenti, in modo da guidare il cliente in un vero e proprio percorso di degustazione per apprezzare non solo il gin a livello gusto-olfattivo ma anche per conoscerne storia, caratteristiche e curiosità. In mancanza di conoscenze pregresse approfondite e di esperienza diretta presso attività del settore, sarà indispensabile la frequentazione di corsi di formazione, ma anche di aggiornamento periodico.

Per aprire una gineria sarà poi necessario trovare un locale idoneo, strategicamente posizionato con una metratura a partire da i 50 mq circa. Sarà importante proporre una sufficiente ed originale varietà di gin. Inizialmente è consigliabile proporre un minimimo di circa 200 etichette, che possono poi essere ampliate sino a raggiungere le 600 - 700. Tuttavia è anche possibile offrire meno etichette, selezionandole con minuzia oppure facendole ruotare periodicamente.

Chiaramente anche quando si decide di aprire una gineria non ci si potrà esimere dal curare aspetti chiave quali la sostenibilità del business, selezionando prodotti e fornitori etici, la redazione di strategie di prezzo accattivanti, nonché di strategie di marketing, comunicazione e fidelizzazione efficaci, assieme alla cura della propria presenza online e sui social.

Prendi spunto dai migliori brand del settore: Franchising Bar

 
ITER E REQUISITI
 

A livello normativo per aprire una gineria non sono necessarie specifiche licenze o qualifiche se non quelle tipiche di ogni attività di somministrazione.

Per aprire una gineria sarà necessario adempiere al seguente iter burocratico:

  • apertura Partita Iva
  • iscrizione al Registro delle Imprese
  • comunicazione di Inizio Attività al Comune
  • apertura delle posizioni INPS ed INAIL
  • ottenimento del permesso per vendita e somministrazione di alcolici dall’Agenzia delle Dogane
  • attestato SAB o titolo equivalente
  • attestato HACCP per ogni dipendente
  • messa a norma di locali ed impianti ed ottenimento nulla osta ASL
     

La maggior parte delle comunicazioni, iscrizioni ed adempimenti iniziali sono espletabili assieme attraverso la Comunicazione Unica, inviabile corredata di tutto il necessario alla Camera di Commercio tramite PEC. Va ricordato che su base locale / regionale a volte vengono previsti requisiti o normative aggiuntive. Per questo motivo è altamente consigliato informarsi presso lo SUAP e sfruttare la consulenza di un commercialista.

 
COSTI ED INVESTIMENTI
 

Aprire una gineria richiederà costi sensibilmente differenti in base alle singole specifiche del business, alle modalità gestionale ed alle scelte effettuate in fase preliminare. A titolo esemplificativo per aprire una gineria sarà necessario un investimento iniziale minimo a partire da 60.000 euro circa per far fronte a tutti i costi principali.

Vi è infine la possibilità di aprire una gineria, o un altro tipo di locale specializzato in cocktail come ad esempio una proseccheria, una vineria o una spritzeria, attraverso l’affiliazione ad un network in franchising. Questo generalmente garantisce non solo importanti semplificazione ma anche una riduzione del budget necessario per l’avvio.

  

Leggi anche la guida: Aprire una Proseccheria

Visita la sezione: Franchising Cocktail Bar

  

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Cerca