Scegli il settore

Informazioni franchising faq forum

Lavoro franchising
mercoledì 01 luglio 2020

Non è mai troppo tardi 

Mettersi in proprio a 60 anni

 
Leggi anche: Mettersi in proprio

Visita la sezione con le idee di Franchising Low Cost
 

Norme che ritardano le pensioni, attività ed aziende in chiusura sempre più numerose ed una generalizzata crisi economica che dura da un decennio sono solo alcune delle ragioni dell’aumento di chi si ritrova senza lavoro e senza diritto alla pensione anche dopo i 60 anni.
 

mettersi in proprio a 60 anni
 

Cosa fare allora quando dopo i 60 anni ci si ritrova a dover reinventare la propria carriera lavorativa e si ha ancora la necessità di produrre reddito? La soluzione di maggior successo, e che più gola, è quella di mettersi in proprio. Oltre i 60 anni infatti è difficile trovare impieghi subordinati di lunga durata e se non ci si vuole accontentare si può prendere in mano la situazione inventandosi un lavoro in proprio, con cui essere i capi di sé stessi.

Qualunque sia la strada che si sceglie per reinventare la propria carriera a 60 anni, la base comune deve essere avere tanta voglia di fare, passione, impegno, programmare i passi da fare, studiare ed avere voglia di apprendere nuove competenze e conoscenze lavorative, sempre. Ma non solo, quando ci si mette in proprio a 60 anni è anche bene valutare dove realmente le capacità finanziarie possano portare. Se da un lato avere un budget di partenza aiuta notevolmente nel processo, è anche bene spenderlo in maniera oculata, evitando sprechi e spese inutili.

Avendo una "vita alle spalle", certamente non mancheranno conoscenze e competenze in ambito lavorativo. Se pur sia sempre consigliabile investire in formazione ed aggiornamento (soprattutto su nuove tecnologie, lingue straniere, doti informatiche, ecc), sarà anche bene sfruttare tutte le proprie capacità maturate negli anni di lavoro, magari avviando un'attività in proprio nel proprio settore di riferimento (in cui magari si è lavorato per anni da dipendente) oppure sviluppando un business attorno alla passione di una vita.

 

Da dove iniziare

Innanzitutto quando si decide di mettersi in proprio a 60 anni, che sia per mancanza di lavoro o per voglia di reinventarsi, la cosa fondamentale è valutare attentamente sé stessi e l’ambiente circostante. Mettersi in proprio con successo è più facile quando si decide di investire in qualcosa che non solo ci appassioni ma che sappiamo anche fare bene. Lo step successivo è quello di rendersi conto se la nostra idea imprenditoriale possa avere successo sul mercato e se il prodotto o servizio offerto sia realmente richiesto. Per fare ciò saranno fondamentali delle analisi preliminari e delle pianificazioni accurate.

L’originalità poi è un altro elemento che fa la differenza nel mondo del business. Grazie alle recenti agevolazioni, aprire un’attività non è complicato come in passato, motivo per cui la concorrenza da parte dei competitor è sempre elevata, in quasi ogni settore. Per distinguersi e guadagnarsi una clientela fedele bisogna differenziarsi dai concorrenti offrendo un servizio o un prodotto con quel elemento di originalità in più, o semplicemente migliorato e più efficiente.

Dopo un’accurata analisi (analisi di fattibilità, analisi del territorio, ecc) arriva la pianificazione attraverso un Business Plan. Pianificare accuratamente ogni aspetto relativo all’avvio ed alla gestione dell’attività (costi, previsione dei ricavi, fonti di finanziamento, marketing, prezzi, gestione, ecc) sarà ciò che potrebbe fare la differenza tra un successo o un fallimento. Certo, gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo quando si avvia una nuova attività in proprio, ma pianificare ogni singolo aspetto con cura potrebbe prevenirne molti.

È poi importante, soprattutto superati i 60 anni, non avere paura di rimettersi in gioco ed impegnarsi nell’imparare nuove cose per potersi meglio proporre sul mercato. Ad oggi, ad esempio, sono fondamentali alcune competenze che molti, soprattutto sopra i 60 – 70 anni, non possiedono quali una buona conoscenza di almeno una lingua straniera tra cui l’inglese e la capacità di sfruttare gli strumenti tecnologici ed il web (primo fra tutti l’uso del computer e dei social a scopo di marketing, ma non solo).

 

Il franchising

Il franchising può essere un'ottima occasione di auto impiego e di auto imprenditorialità, soprattutto per chi desidera mettersi in proprio a 60 anni reinventandosi completamente ed investendo in un nuovo settore in cui non ha esperienze o conoscenze pregresse. L'affiliazione commerciale permette di fatti agli affiliati di usufruire di conoscenze, know-how, modalità gestionali ed operative, formazione, assistenza ed affiancamento a 360° offerti da parte della casa madre. Questi riducono notevolmente il rischio d'impresa e facilitano l'avvio e la gestione del business con professionalità e con successo. Inoltre aderendo ad una rete franchising si potranno sfruttare il suo potere commerciale e la notorietà acquisita dal marchio sul territorio, con la relativa visibilità ed un posizionamento di leadership sin da subito.

Per chi desidera mettersi in proprio a 60 anni con il franchising non mancano le opportunità e le offerte nei più disparati settori, da quelli di retail (negozi alimentari, negozi di abbigliamento, negozi di arredamento, ecc) sino ai servizi (consulenze, marketing, servizi ai privati o alle aziende, assistenza anziani, asili, scuole di lingue, ecc), passando anche per settori più innovativi o creativi, come ad esempio home delivery, sviluppo APP, sanificazione ad ozono, distributori automatici di DPI, consulenza nutrizionale per cani e gatti, servizi funebri per animali domestici, ecc.

 
Scopri i migliori Franchising Low Cost per metterti in proprio.
 

Madalina Girbovan
Aprireinfranchising.it

Vedi tutti i post di Franchising Lavoro

Cerca Franchising

Categorie

WikiFranchising: risorse libere